• Italia
  • lunedì 15 ottobre 2018

Il governo accusa la Francia di aver riportato due migranti in Italia senza autorizzazione

Li avrebbe fatti scendere da un furgone a Clavière, sulle Alpi torinesi: la procura di Torino ha aperto un'inchiesta

Alcuni fonti del ministero dell’Interno italiano e della Polizia di Stato sostengono che venerdì scorso un furgone della Gendarmeria francese abbia superato il confine entrando in Italia a Clavière, sulle Alpi torinesi, e abbia fatto scendere un paio di uomini, «presumibilmente migranti di origine africana», scrive Repubblica.

Se fosse andata così, la Francia avrebbe fatto una cosa che non si può fare, visto che le eventuali espulsioni di migranti verso il loro paese di primo arrivo in Europa devono essere notificate alle autorità prima di essere applicate. Il furgone sarebbe poi tornato subito in territorio francese. Sembra che dell’episodio esista anche un video, consegnato dalla Digos alla procura di Torino, la quale ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. La notizia ha provocato la reazione del ministero degli Esteri italiano, che ha detto di avere chiesto chiarimenti all’ambasciatore francese in Italia e di avere attivato l’ambasciatore italiano a Parigi.

Uomini della Gendarmeria francese (DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.