• Italia
  • sabato 13 ottobre 2018

I due pescherecci italiani che erano stati sequestrati da motovedette libiche hanno lasciato la Libia

I due pescherecci italiani di Mazara del Vallo (Sicilia) sequestrati martedì scorso da motovedette libiche e portati al porto di Ras al Hilal hanno lasciato la Libia. Il Distretto della pesca di Mazara del Vallo ha detto che i libici hanno sequestrato tutto il pesce che era stato pescato dai due equipaggi, nonostante solo una piccola parte del totale fosse stata raccolta in acque di competenza libica. Secondo il TgR Sicilia, la quantità di pesce sequestrato aveva un valore di 100mila euro.

Il sequestro era avvenuto a circa 29 miglia dalla costa libica di fronte alla città di Derna: le motovedette libiche avevano cominciato a sparare senza preavviso e gli equipaggi dei due pescherecci erano stati costretti a seguire i libici verso le coste della Libia.

(David Ramos/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.