• Mondo
  • mercoledì 3 ottobre 2018

Il ministro dell’Interno francese si è dimesso, nonostante l’opposizione di Macron

Gerard Collomb ha deciso di candidarsi a sindaco di Lione, ma la sua rinuncia potrebbe avere a che fare anche con altro

Dopo un’iniziale opposizione, il presidente francese Emmanuel Macron è stato costretto ad accettare le dimissioni del ministro dell’Interno Gerard Collomb, che ha annunciato di volersi candidare a sindaco di Lione, la sua città. Collomb, 71 anni, è stato uno dei primi sostenitori di Macron, ma negli ultimi tempi ha espresso posizioni molto critiche verso il presidente. Di recente, per esempio, ha parlato di «mancanza di umanità» nell’amministrazione Macron, e in una conversazione con qualche giornalista ha detto: «Pochi di noi possono parlare a Macron. Presto non mi sopporterà più. Ma se finiamo tutti per cedere si troverà isolato». Per il momento, e fino a che non verrà nominato un sostituto, l’incarico di Collomb sarà assunto dal primo ministro Edouard Philippe.

Emmanuel Macron, a destra, e Gerard Collomb (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.