L’ex primo ministro finlandese Alexander Stubb vuole fare il candidato presidente della Commissione Europea per il PPE

L’ex primo ministro finlandese Alexander Stubb ha annunciato che intende presentarsi come candidato presidente della Commissione Europea per il Partito Popolare Europeo (PPE), il principale gruppo politico europeo di centrodestra.

Il PPE sceglierà il suo candidato ufficiale nel corso di un congresso a novembre. Il presidente della Commissione Europea viene scelto col meccanismo dello spitzenkandidaten: in pratica, viene indicato dal partito politico che prende più voti alle elezioni europee (anche Jean-Claude Juncker, l’attuale presidente, è stato indicato dal PPE).

Stubb ha 50 anni, è stato primo ministro dal giugno 2014 al maggio 2015. Fino a pochi anni fa era considerato uno dei più promettenti politici europei di centrodestra, specialmente della sua ala più liberale. Alle politiche del 2015 però il suo partito fu sconfitto, e nel 2017 ha accettato l’incarico di vicepresidente della Banca Europea degli Investimenti. Oggi, durante una conferenza stampa in occasione della plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo, ha annunciato di voler tornare in politica: «i valori europei sono sotto attacco da dentro e da fuori […] voglio più Europa, non meno Europa».

A oggi Stubb non ha moltissime possibilità di fare il candidato presidente del PPE: qualche settimana fa si è candidato per lo stesso incarico anche Manfred Weber, l’attuale capogruppo del partito, che ha diversi alleati dentro e fuori dal Parlamento Europeo – per esempio la cancelliera tedesca Angela Merkel – e sembra disposto a spostare progressivamente il partito verso destra.

(THIERRY CHARLIER/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.