• Italia
  • martedì 18 settembre 2018

Una donna detenuta a Rebibbia ha spinto i due figli giù dalle scale: uno è morto, l’altro è grave

Una donna tedesca detenuta nel carcere di Rebibbia, a Roma, ha spinto i suoi due figli di quattro mesi e due anni dalle scale, mentre rientrava con loro dal giardino del nido del carcere. Il bambino più piccolo è morto, l’altro è ricoverato nell’ospedale Bambin Gesù. La donna, che ha una trentina d’anni, si trova in carcere per reati legati alla tossicodipendenza; è stata sedata nell’infermeria della prigione ed è tenuta sotto sorveglianza. La procura avvierà un’indagine per omicidio e per tentato omicidio.

Una foto del carcere di Rebibbia scattata nel 1984. (Ap Photo/Massimo Sambucetti)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.