Luigi Di Maio parla con i giornalisti durante la visita al MICAM, il salone internazionale leader del settore calzaturiero, Rho, 17 settembre 2018 (ANSA/FLAVIO LO SCALZO)

Non è chiarissimo cosa pensi Di Maio del condono fiscale

Dice che il Movimento 5 Stelle non lo voterà mai e preferisce la "pace fiscale", ma sembra solo una questione di parole

Luigi Di Maio parla con i giornalisti durante la visita al MICAM, il salone internazionale leader del settore calzaturiero, Rho, 17 settembre 2018 (ANSA/FLAVIO LO SCALZO)

Lunedì il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, parlando con i giornalisti alla Fiera di Rho, ha detto che il Movimento 5 Stelle non intende sostenere l’approvazione di alcun condono fiscale; ha però aggiunto che il suo partito condivide l’idea di quella che la Lega chiama «pace fiscale», che sarebbe con ogni evidenza un condono.

Per quanto se ne sa in questo momento, infatti, la «pace fiscale» dovrebbe essere molto simile al cosiddetto «condono tombale» approvato dal governo Berlusconi nel 2002, il più grosso della storia recente. La «pace fiscale» è stata descritta in diverse occasioni dai ministri del governo, anche durante la campagna elettorale, come uno strumento che permetterebbe di chiudere i contenziosi con il fisco pagando soltanto una parte di quanto dovuto.

Luigi Di Maio ha detto:

«Il Movimento 5 Stelle non è disponibile a votare nessun condono. Quindi se noi stiamo parlando di pace fiscale, di saldo e stralcio, quello che avevamo anche noi nel programma, siamo d’accordo. Se invece parliamo di condoni non siamo assolutamente d’accordo perché già abbiamo visto per anni i governi Renzi e altri fare gli scudi fiscali e tanto altri strumenti che poi alla fine hanno soltanto creato un deterrente a comportarsi bene e hanno fatto pensare sempre in questo paese che una via d’uscita ci potesse sempre essere all’evasione».

Nel video al minuto 1.50: