Due soccorritori controllano l'interno di un'automobile sommersa da Florence a New Bern, in Nirth Carolina, 15 settembre 2018 (AP Photo/Chris Seward)
  • Mondo
  • domenica 16 settembre 2018

Le nuove foto di Florence

Almeno 12 persone sono morte a causa dell'uragano arrivato venerdì nel sud degli Stati Uniti

Due soccorritori controllano l'interno di un'automobile sommersa da Florence a New Bern, in Nirth Carolina, 15 settembre 2018 (AP Photo/Chris Seward)

Negli Stati Uniti almeno 12 persone sono morte a causa dell’uragano Florence che dopo aver toccato le coste della North Carolina venerdì e aver causato grandi piogge e inondazioni nello stato sabato, si è spostato verso la South Carolina, a ovest. Secondo il Servizio Meteorologico Nazionale degli Stati Uniti in North Carolina è stato registrato il massimo storico di centimetri di pioggia: a Swansboro ne sono stati misurati più di 75 durante il suo passaggio; il record precedente era di 60 e risaliva al 1999, quando l’uragano Floyd colpì lo stato. Nonostante Florence abbia colpito le coste con forza minore di quanto previsto, si teme che le forti piogge possano causare inondazioni e frane pericolose nell’interno della North Carolina e della Virginia.

Florence ha abbattuto decine di alberi: soltanto la polizia della South Carolina ha risposto a 100 segnalazioni. Ma ha anche danneggiato statue e allagato le strade di intere città lungo le coste della North e della South Carolina, riempiendole di tronchi e detriti.

In certe zone si teme che potrebbero esondare i fiumi Cape Fear e Lumber con conseguenze devastanti, un po’ come successe nel 2007 con l’uragano Matthew, che provocò relativamente pochi danni sulla costa ma ne fece moltissimi nelle piccole città dell’interno vicine ai fiumi. I potenziali danni sono stati stimati da alcuni esperti in 30-40 miliardi di dollari, che renderebbero Florence uno dei dieci uragani più devastanti della storia degli Stati Uniti.

Tra le persone morte per l’uragano ci sono una madre e suo figlio, un bambino piccolo, schiacciati da un albero caduto sulla loro casa a Wilmington, North Carolina. Sempre in North Carolina una donna è morta di attacco cardiaco nella contea di Pender, e altre due persone anziane sono morte nella contea di Lenoir, una mentre collegava un cavo elettrico sotto la pioggia, l’altra mentre cercava i suoi cani ed è stata travolta dal vento. Una donna è morta mentre guidava nella contea di Union, in South Carolina, dopo che la sua auto ha sbattuto contro un albero. Di nuovo in North Carolina, tre persone sono morte nella contea di Duplin quando la strada su cui si trovavano si è allagata improvvisamente, e una coppia è morta in un incendio nella contea di Cumberland.

Molte squadre di soccorritori hanno lavorato per tutta la giornata sabato per recuperare le persone rimaste intrappolate nelle proprie case. Circa un milione di case sono rimaste senza corrente elettrica, più di 840mila solo in North Carolina: quasi un quinto dello stato. Nelle località dove Florence è già passato le persone hanno cominciato a uscire di casa e le poche stazioni di servizio e negozi aperti sono stati presi d’assalto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.