• Mondo
  • venerdì 14 settembre 2018

La richiesta del Giappone di poter cacciare le balene per scopi commerciali è stata respinta

L’International Whaling Commission (IWC), l’organizzazione internazionale che si occupa di regolare la caccia alle balene nel mondo, ha respinto la richiesta del Giappone di poter cacciare le balene per scopi commerciali, vietata dal 1986 a tutti i paesi membri della commissione. La mozione del Giappone, che prevedeva la reintroduzione delle quote per la caccia commerciale delle balene dal 2020, ha ricevuto 41 voti contrari e 27 favorevoli, arrivati dai paesi che storicamente cacciano le balene – Islanda e Norvegia – e da una serie di stati caraibici e africani, che in molti ritengono siano stati convinti con una pesante attività di lobbying del Giappone e anche con il pagamento di tangenti, secondo alcune inchieste. Il Giappone, nonostante il divieto, continua notoriamente a cacciare le balene per venderne la carne, mascherando queste operazioni come ricerca scientifica.

Una balenottera minore a bordo di una nave giapponese per la caccia alle balene per scopi scientifici, nel 2014. (Kyodo)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.