Richard Renaldi, I Want Your Love
  • Cultura
  • venerdì 14 settembre 2018

Fotografie da Savignano

Dove sta per iniziare un festival di fotografia con tante mostre interessanti

Richard Renaldi, I Want Your Love

Inizia il 14 settembre a Savignano sul Rubicone, in provincia di Forlì-Cesena, la 27esima edizione del SiFest, un importante festival di fotografia. Il titolo di quest’anno è On Being Now e prova a rispondere con le immagini alle domande «Chi siamo oggi? Cosa vuol dire essere ed esistere sul nostro pianeta nel 2018?». Il festival durerà fino al 30 settembre e prevede mostre, eventi e letture portfolio: trovate il programma completo sul sito del festival.

Tra le 14 mostre presentate c’è I Want Your Love di Richard Renaldi: una sorta di autobiografia visiva dell’autore che comincia con il primo autoritratto che si scattò a soli 10 anni nel bagno della casa di famiglia, e continua fino alla mezz’età parlando di “cosa significa essere giovani e in perpetua ricerca, trovare e perdere le cose che più profondamente vorremmo conservare”, come spiegato nella presentazione della mostra.
Internat mostra invece la vita in un orfanotrofio femminile russo, dove vengono portate giovani con diversi tipi di disabilità. Carolyn Drake ha realizzato il progetto tra il 2014 e il 2016 e mescola le sue foto con alcune opere artistiche fatte realizzare alle ragazze della struttura.

Max Pinckers, in Margins of Excess, parla di fake news e “post-verità”, di realtà e di finzione, con le storie di sei persone che hanno trovato spazio nei media americani, ma erano false o inesatte; Beginner’s Luck di Emanuele Camerini è un progetto sulla fortuna e su come la sua percezione influenzi il comportamento delle persone e della collettività. E poi le immagini di Magda e Andrea a Rawabi, la prima città palestinese costruita da zero in Cisgiordania, dall’imprenditore Bashar Masri; le foto di Filippo Venturi in Corea del Nord; e le prospettiva di immortalità di Murray Ballard, tra gli altri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.