Un errore nel sito e nell’app di British Airways ha permesso il furto di dati e informazioni sulle carte di credito di 380mila passeggeri

La compagnia aerea britannica British Airways ha annunciato che i dati e le informazioni di pagamento, con carta di credito, di circa 380mila suoi clienti sono state violate a causa di una vulnerabilità nel suo sito e nella sua applicazione. Il furto di informazioni è iniziato il 21 agosto scorso ed è proseguito fino al 5 settembre, quando i tecnici di British Airways se ne sono accorti e hanno rimosso l’errore. Tra le informazioni esposte e sottratte ci sono nomi, indirizzi (email e di residenza), nonché dettagli sulle carte di credito utilizzate dai clienti della compagnia aerea per acquistare i biglietti. British Airways sta inviando email a tutti i clienti interessati, dove chiarisce che altri dati sensibili come i dettagli sui documenti non sono stati compromessi. La società ha presentato le proprie scuse, invitando i clienti a consultare le proprie banche per sostituire e rinnovare le carte di credito, per motivi di sicurezza e di precauzione. Il CEO di British Airways, Alex Cruz, ha detto di essere in attesa di rapporti più dettagliati prima di prendere provvedimenti, ma ha comunque annunciato che la compagnia aerea potrebbe rifondere i clienti nel caso di un danno economico subìto dopo il furto delle informazioni di pagamento.

(Dan Kitwood/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.