• mercoledì 1 agosto 2018

La Commissione di vigilanza Rai ha respinto la nomina di Marcello Foa

Il giornalista era stato proposto da Lega e Movimento 5 Stelle come presidente della Rai, ma la nomina è stata bloccata dall'opposizione di Forza Italia

La Commmissione di vigilanza parlamentare sulla Rai ha respinto la nomina di Marcello Foa a presidente del consiglio d’amministrazione della Rai. Foa ha ricevuto 22 voti favorevoli sui 27 che erano necessari per confermare la sua elezione. A votare a favore della ratifica dell’incarico sono stati Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia. Partito Democratico, Forza Italia e Liberi e Uguali si sono astenuti.

La sua nomina è stata fermata a causa dell’opposizione di Forza Italia. Il partito di Berlusconi ha criticato il fatto che Lega e Movimento 5 Stelle abbiano scelto Foa senza consultare le opposizioni come era pratica comune in passato nella scelta del presidente della RAI. Diversi esponenti di Forza Italia hanno sottolineato che non hanno personalmente nulla contro la figura di Foa e il suo profilo, ma solo contro il metodo usato per nominarlo.

Foa era stato eletto ieri presidente della Rai dal Consiglio di amministrazione dell’azienda, ma la legge prevede che per essere efficace la nomina debba essere confermata da un voto favorevole dei due terzi dei 40 componenti della Commissione di vigilanza parlamentare. In quanto membro più anziano del consiglio d’amministrazione, Foa dovrebbe comunque poter rimanere presidente pro tempore.

Foa è un ex giornalista del Giornale e da alcuni anni ricopriva l’incarico di amministratore delegato del principale gruppo editoriale della Svizzera italiana, il Corriere del Ticino. Foa è un sostenitore della Lega di Matteo Salvini, oltre che del presidente russo Vladimir Putin. Sul suo blog e sui suoi profili social ha spesso diffuso notizie false, anche su argomenti molto delicati come i vaccini.

E ora cosa succede con il presidente della RAI?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.