Pietro Grasso è stato condannato a pagare 83.250 euro al PD, scrive il Corriere della Sera

Il Corriere della Sera dice che il tribunale di Roma ha condannato Pietro Grasso, ex presidente del Senato, a pagare 83.250 euro al Partito Democratico per la storia dei contributi non versati al partito negli anni successivi alla sua elezione al Senato, nel 2013.

La cifra consiste in circa 1.500 euro al mese che i parlamentari sono tenuti per statuto a versare al PD per contribuire a finanziarlo, ma che Grasso non aveva mai versato. Nel dicembre del 2017 il tesoriere del PD Francesco Bonifazi aveva chiesto pubblicamente a Grasso, che nel frattempo ha lasciato il PD per diventare leader della lista Liberi e Uguali, di pagare gli arretrati per i 56 mesi nei quali era stato sentaore del PD, ma Grasso si era rifiutato con una lettera nella quale aveva sostenuto di non esserne stato informato, aggiungendo che non pensava di doverlo fare in quanto presidente del Senato, e quindi figura in un certo senso esterna al partito.

Insieme a Grasso altri 60 parlamentari sono stati condannati a ripagare i propri debiti con il PD, ma secondo il Corriere della Sera per cifre più basse. Bonifazi aveva detto che la somma totale, di 1,5 milioni di euro, sarà devoluta a un fondo di sostegno per i 180 dipendenti del PD da tempo in cassa integrazione.

Pietro Grasso nell'aula del Senato – Roma, 23 marzo 2018 (ANSA/ALESSANDRO DI MEO)