• Mondo
  • venerdì 13 Luglio 2018

Johnson & Johnson dovrà pagare 4,7 miliardi di dollari di danni a 22 donne

Un tribunale statunitense ha stabilito che hanno contratto il cancro alle ovaie a causa dell'asbesto (amianto) presente nei prodotti a base di talco

Johnson & Johnson, la multinazionale statunitense che produce farmaci, apparecchiature mediche e prodotti per la cura personale, dovrà pagare circa 4,7 miliardi di dollari per risarcire 22 donne che l’hanno accusata di aver contratto il cancro alle ovaie a causa dell’asbesto (amianto) presente nei suoi prodotti a base di talco. Lo ha stabilito una giuria di St. Louis, Missouri, al termine di un processo durato sei settimane e durante il quale sono state ascoltate decine di persone ed esperti.

La giuria, composta da sei uomini e sei donne, ha stabilito prima i danni compensativi, fissandoli in 550 milioni di dollari, e dopo essersi riunita nuovamente per un’ora ha deliberato i danni punitivi quantificandoli in 4,14 miliardi di dollari. Gli avvocati delle 22 donne coinvolte – che hanno usato il talco per bambini della Johnson & Johnson per la loro igiene intima per decenni e alle quali è stato poi diagnosticato un tumore alle ovaie – hanno affermato che la società sapeva della contaminazione di alcuni dei suoi prodotti con l’amianto fin dagli anni Settanta, ma che non ha fatto nulla per avvisare i consumatori dei possibili rischi. Johnson & Johnson ha negato ogni accusa, ha detto che il suo talco è sicuro e ha insistito che il verdetto sia il risultato di un «processo fondamentalmente ingiusto».

Johnson & Johnson sta affrontando circa 9 mila casi legali che hanno a che fare con i suoi prodotti a base di talco, ma molte delle sentenze di primo grado sono state ridimensionate o annullate in appello. La società ha commentato il verdetto parlando di “profonda delusione” e ha fatto sapere che farà appello.

(FREDERIC J. BROWN/AFP/Getty Images)