Martin Sorrell litiga con WPP per l’acquisizione di una società nei Paesi Bassi

Anche se si è dimesso da WPP plc, una delle più importanti multinazionali di pubblicità e marketing, Martin Sorrell non sembra essere intenzionato a lasciare il mondo degli affari e degli investimenti pubblicitari. Dopo avere creato una nuova società che si chiama S4 Capital, Sorrell si è nuovamente scontrato con WPP dopo avere deciso di tentare l’acquisizione di MediaMonks, azienda pubblicitaria dei Paesi Bassi su cui WPP aveva già avviato un piano per acquisirla. Secondo un documento interno consultato dal New York Times, Sorrell si era personalmente interessato all’affare nell’autunno dello scorso anno, quando era ancora a capo di WPP. Per questo motivo ora WPP ha intimato a Sorrell di lasciar perdere MediaMonks, sostenendo che l’acquisizione violerebbe gli accordi di riservatezza stipulati con WPP prima della sua uscita dall’azienda. Sorrell ha negato le circostanze, definendo la vicenda un “debole tentativo” di WPP di destabilizzare l’offerta di S4 Capital per MediaMonks.

Martin Sorrell il 6 febbraio 2018, a New York (Ben Gabbe/Getty Images for The Association of Magazine Media)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.