• Mondo
  • lunedì 9 luglio 2018

Si sono incontrati a Madrid il primo ministro spagnolo e il presidente catalano, ed è andata bene

Lunedì si sono incontrati a Madrid il capo del governo spagnolo, il socialista Pedro Sánchez, e il presidente catalano, l’indipendentista Quim Torra. Al termine dell’incontro, l’ufficio del primo ministro spagnolo ha annunciato la decisione dei due leader di riattivare le commissioni bilaterali stato-governo catalano sospese nel 2011, e in precedenza usate per mantenere aperto un canale di comunicazione tra le parti.

L’impressione, hanno scritto i giornali spagnoli, è che la riunione sia andata molto bene, nonostante la distanza tra le due parti, in particolare sul diritto all’autodeterminazione, rimanga enorme: Torra vorrebbe infatti che il governo spagnolo concedesse alla Catalogna il diritto di tenere un referendum sull’indipendenza, il cui risultato venga riconosciuto da entrambe le parti, mentre Sánchez ha sempre escluso questa ipotesi. L’incontro di lunedì, comunque, è stato visto positivamente da diversi osservatori, e secondo molti servirà a normalizzare le relazioni tra stato centrale e governo catalano, precipitate negli ultimi 10 mesi a causa della dichiarazione unilaterale di indipendenza fatta dell’ex governo indipendentista di Carles Puigdemont.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, a destra, e il presidente catalano Quim Torra a Madrid, 9 luglio 2018 (JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.