Ci sono tre nuove accuse di molestie sessuali contro Kevin Spacey

La polizia di Londra sta indagando su tre nuove accuse di aggressioni sessuali rivolte contro l’attore statunitense Kevin Spacey. La notizia è stata data per primo dal sito scandalistico TMZ e poi confermata dalla polizia al sito di cinema e tv Variety. Le nuove aggressioni sono state denunciate tra febbraio e aprile e sarebbero avvenute a Londra, a Westminster, nel 1996 e a Lambeth nel 2008, e a Gloucester nel 2013. Il numero di accuse per cui Spacey è indagato a Londra sono in tutto sei, cinque di aggressione sessuale e una di aggressione.

Mercoledì anche l’attore Guy Pearce ha fatto capire di aver avuto dei contatti non desiderati con Spacey, con cui recitò insieme nel film LA Confidential del 1997; ha detto in un’intervista a un talk show australiano: «Momenti un po’ difficili con Kevin, sì. È uno che allunga le mani. Per fortuna avevo 29 anni e non 14».

Spacey, che ha 58 anni e ha vinto due premi Oscar per American Beauty (2000) e per I soliti sospetti (1996), è stato accusato di molestie sessuali da più di 30 uomini dall’ottobre 2017, quando l’attore Anthony Rapp aveva detto di essere stato molestato sessualmente nel 1986 quando aveva 14 anni e Spacey 26. Da allora Netflix ha interrotto i suoi rapporti con lui, che non fa più parte del cast della serie tv House of Cards, ed è stato anche sostituito dall’attore Christopher Plummer nel film di Ridley Scott Tutti i soldi del mondo, dove interpretava il petroliere americano Jean Paul Getty. Spacey è indagato anche in California per molestie sessuali; tra le persone che avrebbe molestato c’è anche Ari Behn, scrittore ed ex genero del re di Norvegia: ha raccontato che Spacey lo avrebbe palpeggiato nel 2007 a un concerto organizzato per l’assegnazione del premio Nobel per la pace.

Kevin Spacey alla première europea di "Baby Driver", nel giugno del 2017 (Tim P. Whitby/Getty Images for Sony Pictures)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.