• Mondo
  • mercoledì 4 luglio 2018

In India si continua a uccidere per video e notizie false diffuse su WhatsApp

Ci sono sempre più linciaggi della folla contro uomini accusati ingiustamente di rapire dei bambini: l'ultimo risale a domenica

Un'immagine tratta da un video diventato virale su WhatsApp in India

Negli ultimi giorni in India sono state uccise otto persone dopo che alcuni video e messaggi che parlavano del rapimento di bambini erano diventati virali su WhatsApp, l’app di messaggistica più diffusa nel paese. L’ultimo episodio è avvenuto domenica nello stato occidentale di Maharashtra: cinque uomini appartenenti a una comunità nomade sono stati linciati dalla folla perché accusati senza alcuna prova e in modo completamente arbitrario di essere responsabili del rapimento di minori. Gli uomini sono stati circondati da una trentina di persone, tra cui diversi bambini, mentre stavano parlando con una ragazza. Sono state rivolte loro alcune domande le cui risposte non hanno soddisfatto gli abitanti locali, che li hanno portati in una stanza e li hanno picchiati fino a ucciderli. Le violenze, ha detto la polizia, erano iniziate a causa di alcuni messaggi diffusi su WhatsApp.

Questi episodi non sono nuovi in India e le autorità stanno cercando da tempo di limitare la diffusione di notizie false su WhatsApp, finora però senza grande successo.

Uno dei video diventati virali in India e condiviso da migliaia di utenti, per esempio, sembra mostrare il rapimento di un bambino da parte di due uomini a bordo di una motocicletta. Il video, in realtà, faceva parte di una campagna di sensibilizzazione per la sicurezza dei minori organizzata a Lahore, in Pakistan. Gli ultimi secondi del filmato originale mostrano i due uomini riportare indietro il bambino apparentemente sequestrato e invitare tutti i genitori a stare attenti alla sicurezza dei propri figli. Nella versione diffusa in India, però, l’ultima parte è stata rimossa, stravolgendo il messaggio del video. Un giornalista di BBC ha mostrato il video a diverse persone a Bangalore, in India, dove si sono verificati di recente episodi di violenza contro uomini accusati di sequestrare i bambini: molti intervistati hanno sostenuto di credere ai messaggi diffusi su WhatsApp.

La diffusione su WhatsApp di messaggi e video che parlano di rapimenti di minori ha creato una specie di isteria collettiva in diverse parti dell’India, soprattutto dove la cosiddetta “educazione digitale” è più carente. Negli ultimi anni c’è stata infatti una crescita esponenziale delle vendite di smartphone nelle zone rurali, legata anche al crollo del costo per navigare in Internet. L’isteria è stata alimentata anche da diversi giornali e televisioni locali, che hanno ripreso senza troppe verifiche le notizie false circolate su WhatsApp, dando loro ancora più visibilità.

La polizia sta cercando di limitare la disinformazione, ma finora i risultati non sono stati soddisfacenti: uno degli uomini uccisi venerdì scorso in un linciaggio nello stato di Tripura, per esempio, era stato assunto dal governo locale proprio per smentire con un megafono la presenza nella zona di una banda di sequestratori di bambini.

WhatsApp è una delle app con più utenti nel mondo (1,5 miliardi) e da tempo sta affrontando problemi seri di disinformazione in diversi paesi, tra cui Brasile e Indonesia, ma è in India che le conseguenze sono state più violente che in ogni altra parte del mondo. Secondo Mohammad Ali, giornalista indiano che sta scrivendo un libro sui linciaggi in India, il problema non sarebbe comunque solo la mancanza di educazione digitale. Le violenze degli ultimi mesi sono state dirette per lo più contro persone che non appartenevano alle comunità locali, che erano immigrati o considerati “stranieri”, come i membri della comunità nomade uccisi domenica: le uccisioni, ha sostenuto Ali, sarebbero quindi strettamente legate alla intensa crescita del sentimento nazionalista, sempre più diffuso in diverse parti del paese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.