(Vincenzo Livieri/LaPresse)
  • Italia
  • giovedì 28 giugno 2018

Quando iniziano i saldi estivi, regione per regione

Nella maggior parte delle regioni il 7 luglio, ma finiranno in momenti diversi

(Vincenzo Livieri/LaPresse)

Sabato 7 luglio in molte regioni d’Italia inizieranno i saldi estivi 2018, le vendite a prezzi scontati nel settore commerciale dell’abbigliamento. Ci sono solo due eccezioni: la Sicilia, dove saranno anticipati a domenica 1 luglio, e il Trentino Alto Adige, dove le province di Trento e Bolzano hanno regolamentato i saldi in modo diverso.

Cambierà invece da regione a regione la loro durata: nella maggior parte dei casi i saldi termineranno a fine agosto, in Liguria dureranno solo un mese e mezzo e in Friuli Venezia Giulia continueranno fino al 30 settembre.

Le date dei saldi, regione per regione:

Abruzzo: 7 luglio – 29 agosto
Basilicata: 7 luglio – 2 settembre
Calabria: 7 luglio – 1 settembre
Campania: 7 luglio – 30 agosto
Emilia Romagna: 7 luglio – 30 agosto
Friuli Venezia Giulia: 7 luglio – 30 settembre
Lazio: dal 7 luglio per sei settimane (quindi fino al 18 agosto)
Liguria: 7 luglio – 14 agosto
Lombardia: 7 luglio – 30 agosto
Marche: 1 luglio – 1 settembre
Molise: 7 luglio – 30 agosto
Piemonte: dal 7 luglio per otto settimane (quindi fino all’1 settembre)
Puglia: 7 luglio – 15 settembre
Sardegna: 7 luglio – 30 agosto
Sicilia: 1 luglio – 15 settembre
Trentino Alto Adige: dal 1 luglio al 12 agosto in provincia di Trento; in provincia di Bolzano decidono i singoli negozianti
Toscana: 7 luglio – 1 settembre
Umbria: 7 luglio – 30 agosto
Valle d’Aosta: 7 luglio – 1 settembre
Veneto: 7 luglio – 31 agosto

Le cose da sapere sui saldi

Per poter fare i saldi i negozi devono rispettare alcune regole. Per esempio il prezzo originale di ogni prodotto in saldo deve essere sempre indicato in modo chiaro e inequivocabile, vicino alla percentuale di sconto e al prezzo scontato. Inoltre le merci in saldo devono essere tenute in zone separate rispetto a quelle non in saldo, in modo da non essere confuse. Qui ci sono i consigli della Guardia di Finanza per evitare truffe nel periodo dei saldi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.