• Mondo
  • giovedì 28 giugno 2018

Tutti i migranti a bordo della Lifeline sono sbarcati a Malta

Ora saranno ricollocati in otto paesi europei, tra cui l'Italia, mentre il governo maltese ha detto che sequestrerà la nave della ong tedesca

Tutti i 224 migranti a bordo della nave Lifeline sono sbarcati a Malta nella serata di mercoledì, dopo giorni di attesa a causa del divieto di usare porti italiani. Il capitano della nave è stato interrogato dalla polizia maltese e il governo di Malta ha detto che la nave sarà sequestrata per permettere un’indagine di polizia sul suo operato.

I migranti a bordo a cui verrà riconosciuto il diritto di presentare una richiesta di asilo saranno ricollocati in otto paesi dell’Unione Europea che si sono detti disponibili a farlo: oltre a Malta sono Francia, Italia, Irlanda, Portogallo, Belgio, Olanda e Lussemburgo. Le persone a cui non verrà riconosciuto il diritto di presentare richiesta di asilo saranno invece rimpatriate, ha detto il primo ministro maltese Joseph Muscat.

EPA/HERMINE POSCHMANN / MISSION LIFELINE

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.