Apple e Samsung hanno chiuso il loro annoso contenzioso legale sulla violazione dei brevetti degli iPhone

Apple e Samsung si sono messe d’accordo per chiudere il loro annoso confronto legale, al centro del quale c’era l’accusa per Samsung di avere copiato l’iPhone per produrre i suoi smartphone. La giudice Luci Koh che si occupava del caso ha annunciato di essere stata informata dalle due aziende sull’accordo, i cui termini rimangono riservati. Il confronto legale sui brevetti tra Apple e Samsung era iniziato nel 2011 e aveva portato a una vittoria in tribunale per Apple, con una sentenza che aveva imposto a Samsung il pagamento di 1 miliardo di dollari di danni. Erano seguiti diversi appelli e processi laterali, dovuti a cause presentate sia da Samsung sia da Apple, che si accusavano a vicenda di essersi copiate nei primi anni di progettazione e produzione degli smartphone. L’accordo arriva quindi dopo sette anni molto complicati e dispendiosi dal punto di vista legale, anche se non è chiaro perché sia stato stretto ora e non qualche anno fa. Il cambiamento di alcuni dirigenti soprattutto all’interno delle due aziende potrebbe avere contribuito alla nuova decisione.

(AFP PHOTO / PARK JI-HWAN)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.