• Mondo
  • mercoledì 27 giugno 2018

La Polonia ha modificato la controversa legge sull’Olocausto approvata a gennaio

Il Parlamento polacco ha approvato oggi un emendamento per correggere la controversa legge che prevedeva fino a tre anni di carcere per chi accusava la Polonia di complicità nell’Olocausto. L’emendamento è stato votato d’urgenza sia alla Camera che al Senato e ha trasformato reato che era stato introdotto lo scorso gennaio in un’illecito civile. La legge è poi stata firmata anche dal presidente polacco. Il primo ministro polacco Mateusz Morawieck ha spiegato in parlamento che l’emendamento è stato presentato dal governo perché la vecchia legge aveva raggiunto il suo scopo, cioè – secondo lui – quello di portare al centro del dibattito internazionale la questione della complicità della Polonia con la Germania nazista. La legge approvata a gennaio aveva però provocato moltissime critiche verso il governo polacco, che era stato accusato di revisionismo.

(Christopher Furlong/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.