• Italia
  • giovedì 21 giugno 2018

Il Consiglio Superiore di Sanità ha raccomandato che il governo proibisca la vendita di “cannabis light”

In un parere chiesto a febbraio dal ministero della Salute, Il Consiglio Superiore di Sanità ha raccomandato che venga proibita la vendita di “cannabis light”, una marijuana con pochissimo principio attivo, che non provoca sostanziali effetti psicotropi ed è legale dallo scorso anno anche in Italia. La notizia è stata data da Quotidiano sanità, che ha detto di aver visto i documenti del Consiglio Superiore di Sanità. Le motivazioni della raccomandazione sono legate alla carenza di studi sugli effetti della “cannabis light” su soggetti a rischio, come persone anziane, in gravidanza o che assumono certe medicine. Da quando è diventato legale vendere la cosiddetta “cannabis light”, dice Quotidiano sanità, in Italia hanno aperto più di 1000 negozi che la vendono. In molti casi, invece, la “cannabis light” si trova anche nelle normali tabaccherie. Non è chiaro cosa succederà ora, il ministero della Salute potrebbe spingere per nuove e più stringenti regole di vendita o sospenderla del tutto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.