• Mondo
  • mercoledì 6 giugno 2018

Il ministro degli Interni tunisino è stato licenziato a causa del naufragio di migranti di domenica

Il primo ministro della Tunisia, Youssef Chahed, ha licenziato il ministro degli Interni del suo governo, Lofti Brahem, probabilmente a causa del ribaltamento della barca con a bordo 180 migranti avvenuto domenica al largo delle coste della Tunisia. Il governo non ha comunicato il motivo ufficiale del licenziamento, ma un funzionario sentito da Reuters e rimasto anonimo ha detto: «Chahed ha licenziato il ministro degli Interni per non essere riuscito a fermare la barca e l’immigrazione illegale in generale». Non è ancora chiaro quanti migranti siano morti nel naufragio: Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, ha riferito che oltre 100 persone potrebbero essere morte in mare.

(SOFIENE HAMDAOUI/AFP/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.