• Mondo
  • giovedì 31 maggio 2018

Harvey Weinstein è stato incriminato per stupro e molestie sessuali

Il gran giurì ha formulato le accuse di cui dovrà rispondere; il suo avvocato le ha definite "infondate"

L’ex produttore cinematografico Harvey Weinstein è stato incriminato per stupro e molestie sessuali dopo essersi consegnato una settimana fa alla polizia di New York. La decisione, come accade nel sistema giudiziario statunitense, è stata presa dal gran giurì, una giuria composta da cittadini estratti a sorte che ha il compito di esaminare le prove e stabilire se siano sufficienti a formulare uno o più capi d’accusa. L’avvocato di Weinstein, Benjamin Brafman, ha commentato che le accuse «sono infondate» e che il suo cliente le respinge con forza.

Weinstein non era intervenuto davanti al gran giurì per testimoniare perché i suoi avvocati avevano ritenuto che non c’era stato abbastanza tempo per prepararlo e ne avevano invece chiesto di più. I crimini di cui Weinstein deve rispondere riguardano due donne e sono avvenuti a New York, ma negli ultimi mesi è stato accusato da decine di altre donne per molestie e aggressione sessuale.

Harvey Weinstein al distretto di Polizia, New York, 25 maggio 2018 (Steven Hirsch/New York Post via AP, Pool)