• Mondo
  • giovedì 24 maggio 2018

Otto donne hanno accusato Morgan Freeman di molestie sessuali

Hanno raccontato a CNN di casi di palpeggiamenti, commenti non graditi e comportamenti inappropriati, confermati da altri testimoni

Morgan Freeman (Richard Shotwell/Invision/AP, File)

Otto donne hanno accusato di molestie sessuali l’attore Morgan Freeman, tra i più noti e apprezzati di Hollywood. Le donne hanno parlato con CNN, raccontando diversi casi di molestie, palpeggiamenti, commenti non graditi e comportamenti inappropriati che sarebbero avvenuti sui set di Insospettabili sospetti (2017) e Now You See Me (2013), e in diversi altri contesti professionali. Altre otto persone hanno confermato a CNN di aver assistito a casi di molestie compiute da Freeman, senza averli subiti di persona. Qualche ora dopo le accuse raccolte da CNN, Freeman ha diffuso un comunicato in cui si scusa «con chiunque non si sia sentito a suo agio o rispettato».

Le accuse
Un’assistente di produzione ha raccontato che durante le riprese di Insospettabili sospetti Freeman, che ha 80 anni, la sottopose a quotidiani commenti non graditi sul suo aspetto fisico, palpeggiamenti e massaggi non richiesti sulla schiena. In un’occasione, ha raccontato, Freeman provò ripetutamente a sollevarle la gonna, chiedendole se indossava la biancheria intima. Alan Arkin, co-protagonista del film, disse a Freeman di smetterla, ha raccontato la donna: «Morgan si turbò e non sapeva cosa dire».

Un’altra donna della produzione di Now You See Me ha detto che Freeman importunò in diverse occasioni lei e altre sue colleghe con commenti fisici non graditi. «Sapevamo che se stava arrivando non dovevamo indossare maglie che mostrassero il seno, niente che mostrasse il sedere: cioè niente di aderente». La donna ha detto di aver deciso di lasciare il settore del cinema dopo quell’esperienza.

Sette persone hanno descritto a CNN qualche forma di molestie subite o viste lavorando per Revelations Entertainment, la casa di produzione di Freeman. Una dipendente ha raccontato che al suo primo incontro con Freeman lui le chiese: «Come ti poni sulle molestie sessuali?». Lei, cercando di scherzarci sopra, disse: «Le adoro», e Freeman si rivolse al gruppo di uomini con cui era dicendo: «Vedete ragazzi, è così che si fa». Altre donne hanno raccontato che Freeman, negli uffici della casa di produzione, era solito fissarle. In un episodio, una donna passò davanti a Freeman che la squadrò facendo ridere tutte le persone presenti. Uno di loro, in seguito, le disse: «Non ti preoccupare, Morgan è così». Un altro dipendente ha raccontato di aver visto Freeman massaggiare sulla schiena una stagista visibilmente in imbarazzo. Altre due hanno raccontato di aver visto Freeman chiedere a due donne di fare un giro su se stesse. Alcuni dei dipendenti di Revelations Enterteinement organizzarono delle riunioni per discutere di questi episodi, visto che la società non aveva un responsabile per le risorse umane.

Le accuse contro Freeman si riferiscono in tutti i casi a episodi di molestie avvenuti in pubblico, in presenza quindi di testimoni e in alcuni casi anche di telecamere. Chloe Melas, giornalista di CNN che è tra gli autori dell’articolo, ha raccontato che durante una conferenza stampa per Insospettabili sospetti, quando lei era incinta di sei mesi, Freeman le strinse la mano senza lasciarla andare, squadrandola ripetutamente e dicendole: «Vorrei essere lì».

Il commento fu ripreso dalle telecamere, che invece non ne registrarono un secondo che si riferiva alla sua pancia. Melas riferì l’episodio al suo capo e alle risorse umane di CNN, che contattarono Warner Bros, la casa di produzione del film, peraltro come CNN di proprietà di Time Warner. Warner Bros disse che non poteva confermare la ricostruzione di Melas, perché soltanto uno dei due commenti era stato filmato. Melas concordò con i suoi capi di non occuparsi del film: si mise però a fare ricerche su comportamenti simili tenuti in passato da Freeman, dando inizio alle indagini che hanno portato alla pubblicazione dell’articolo.

CNN ha parlato con decine di persone che hanno lavorato con Freeman, molte delle quali lo hanno difeso o hanno detto di non aver mai assistito a episodi di molestie. Altre, contattate da CNN con delle richieste inizialmente generiche per una storia sulle molestie nel settore cinematografico, hanno subito ipotizzato che l’oggetto delle domande sarebbe stato Freeman. Freeman e il suo staff non hanno risposto alle richieste di un commento da parte di CNN.

Freeman è uno dei più longevi e prolifici attori di Hollywood, candidato in carriera per cinque volte al premio Oscar come migliore attore, premio che vinse nel 2005  per Million Dollar Baby. Tra i suoi film più famosi ci sono A spasso con Daisy, Le ali della libertà e Invictus, e soltanto dal 2010 a oggi ha recitato in oltre venti film.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.