• Sport
  • mercoledì 23 maggio 2018

Sono stati chiesti 6 anni di reclusione per l’ex calciatore Vincenzo Iaquinta, coinvolto nel più grande processo per mafia nel Nord Italia

I pubblici ministeri del processo “Aemilia”, il più grande per mafia mai tenuto del Nord Italia, con 240 imputati appartenenti e collusi ad un unico clan della ‘ndrangheta, hanno chiesto 6 anni di reclusione per l’ex calciatore della Juventus e della Nazionale italiana Vincenzo Iaquinta. Anche il padre Giuseppe è coinvolto nel processo: per lui sono stati chiesti 19 anni per affiliazione mafiosa. La posizione di Iaquinta riguarda due pistole registrate a suo nome e ritrovate nel 2015 nel corso di una perquisizione a casa del padre, che invece non disponeva di una licenza e che era stato arrestato assieme ad altre 116 persone, ora coinvolte nel processo.

I reati contestati nel processo di Reggio Emilia sono associazione a delinquere di stampo mafioso, false fatturazioni, detenzione di armi, usura, estorsione e frode. Le richieste di pena più elevate sono arrivate per Michele Bolognino, per cui sono stati chiesti 30 anni in rito ordinario e 18 in abbreviato, Gaetano Blasco (26 anni e 6 mesi in ordinario e 16 anni in abbreviato) e Pasquale Brescia (14 in ordinario e 4 anni e 6 mesi in abbreviato).

Iaquinta, originario di Crotone, si è ritirato dal calcio professionistico nel 2013 dopo aver trascorso la maggior parte della sua carriera nell’Udinese, dal 2000 al 2007, e nella Juventus, dal 2007 al 2012. È stato anche uno degli attaccanti della Nazionale dal 2005 al 2010 e fece parte della squadra campione del mondo nel 2006.

(Valerio Pennicino/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.