• Mondo
  • mercoledì 16 maggio 2018

Anche il Guatemala ha spostato la sua ambasciata in Israele a Gerusalemme

Anche il Guatemala, dopo gli Stati Uniti, ha spostato la sua ambasciata in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Durante la cerimonia di inaugurazione, che si è tenuta questa mattina, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ricordato che il Guatemala fu il secondo paese a riconoscere lo stato d’Israele dopo gli Stati Uniti, 70 anni fa, e ha aggiunto: «Ci ricordiamo dei nostri amici e il Guatemala è un nostro amico, allora e oggi».

Il Guatemala è uno dei 16 paesi che a partire dagli anni Cinquanta tenne per un periodo la sua ambasciata in Israele a Gerusalemme (lo fecero anche tre paesi africani, un europeo e altri 11 centro e sudamericani). Il governo guatemalteco decise però di chiudere l’ambasciata nel 1980, dopo l’approvazione della Legge fondamentale su Gerusalemme da parte del Parlamento israeliano, che stabiliva che la città sarebbe rimasta la «capitale unita e completa di Israele». La legge fece infuriare il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che la interpretò come una provocazione e chiese a tutti i paesi membri dell’organizzazione di ritirare le rispettive missioni diplomatiche dalla città.

Il presidente del Guatemala, Jimmy Morales, vicino al primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, a Gerusalemme (Debbie Hill/UPI/AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.