(PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 13 maggio 2018

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio di Formula 1 di Spagna

In solitaria, con oltre 20 secondi di vantaggio sul compagno Bottas: Vettel è arrivato quarto

(PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP/Getty Images)

Il pilota britannico della Mercedes Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio di Spagna di Formula 1, che si è corso oggi pomeriggio sul circuito di Catalogna, a Montmelò, vicino a Barcellona. Hamilton era partito in pole position ed è rimasto primo per tutta la gara, accumulando un gran vantaggio fino a tagliare il traguardo con oltre 20 secondi sul suo compagno di squadra Valtteri Bottas, secondo classificato. Terzo è arrivato Max Verstappen della Red Bull, che era partito quarto ma ha superato in fretta il pilota della Ferrari Sebastian Vettel, vincendo poi una lunga lotta per il terzo posto. Vettel ha concluso in quarta posizione, mentre l’altro pilota della Ferrari Kimi Raikkonen si è dovuto ritirare al 26esimo giro per un guasto alla macchina.

Il Gran Premio era iniziato con un rocambolesco testacoda del pilota della Haas Grosjean poco dopo la partenza, che si è poi scontrato con varie macchine e che ha richiesto l’intervento della safety car.

Ora la testa della classifica dei piloti del Mondiale di Formula 1 vede Hamilton in testa con 95 punti, Vettel secondo con 78 punti, Bottas terzo con 58 punti, Raikkonen quarto con 48 punti, Daniel Ricciardo della Red Bull quinto con 47 punti e Verstappen sesto con 33 punti.

L’ordine d’arrivo del Gran Premio di Spagna

1) Lewis Hamilton (Mercedes)
2) Valtteri Bottas (Mercedes)
3) Max Verstappen (Red Bull)
———————————————————
4) Sebastian Vettel (Ferrari)
5) Daniel Ricciardo (Red Bull)
6) Kevin Magnussen (Haas)
7) Carlos Sainz Jr. (Renault)
8) Fernando Alonso (McLaren)
9) Sergio Perez (Force India)
10) Charles Leclerc (Sauber)
11) Lance Stroll (Williams)
12) Brendon Hartley (Toro Rosso)
13) Marcus Ericsson (Sauber)
14) Sergej Sirotkin (Williams)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.