Spotify ha tolto dalle sue playlist tutte le canzoni di R. Kelly, in risposta alle accuse di molestie nei suoi confronti

Spotify – il più grande servizio di musica in streaming al mondo – ha tolto dalle sue playlist tutte le canzoni del cantante statunitense R. Kelly, in risposta alle accuse di molestie sessuali nei suoi confronti. Le canzoni di R. Kelly possono ancora essere ascoltate su Spotify e gli utenti possono aggiungerle alle loro playlist personali, ma non le troveranno più nelle playlist create da Spotify, alcune delle quali molto seguite e apprezzate.

R. Kelly è stato accusato di molestie sessuali, di aver creato e diffuso materiale pornografico e lo scorso anno anche di aver creato una specie di culto sessuale tenendo delle ragazze come schiave in casa sua. Spotify ha detto di non voler censurare artisti per via delle loro condotte, ma ha detto che non intende più promuovere i loro lavori ogni qualvolta si trova a dover fare una scelta editoriale (come quella delle playlist). R. Kelly ha 51 anni e la sua canzone più famosa è probabilmente “I believe I can Fly”.

R. Kelly a un concerto a Las Vegas nel 2015 (Al Powers/ Powers Imagery/Invision/AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.