Il Movimento 5 Stelle ha pubblicato il suo “contratto di governo”

È un documento molto vago e generico che dovrebbe costituire la base per negoziare un'alleanza di governo con il PD o con la Lega

Questa mattina sul sito del Movimento 5 Stelle è stato pubblicato un “contratto di governo”, il documento che secondo Luigi Di Maio dovrebbe servire da base per negoziare un accordo di governo con le due forze politiche con le quali il Movimento è disposto ad allearsi: il Partito Democratico e la Lega. La scrittura del “contratto” era stata affidata due settimane fa a Giacinto della Cananea, professore di diritto all’Università di Roma Tor Vergata.

Della Cananea aveva il compito di trovare punti in comune tra i programmi e inserirli in una bozza di possibile accordo, i cui dettagli avrebbero poi dovuto essere negoziati dalle forze politiche. Nella prima parte del documento sono messi in evidenza questi “punti di contatto” tra il programma di Movimento 5 Stelle, Lega e Partito Democratico. Nella seconda parte viene illustrato il programma vero e proprio, suddiviso in dieci “priorità”:

1. Costruire un futuro per i giovani e le famiglie
2. Contrastare efficacemente la povertà e la disoccupazione
3. Ridurre gli squilibri territoriali
4. Sicurezza e giustizia per tutti
5. Difendere e rafforzare il Servizio sanitario nazionale
6. Proteggere le imprese, incoraggiare l’innovazione
7. Per un nuovo rapporto tra cittadino e fisco
8. Un Paese da ricostruire: investire nelle infrastrutture
9. Proteggere dai rischi, salvaguardare l’ambiente
10. Per un’amministrazione efficiente e trasparente, tagli agli sprechi

Nella seconda parte ciascun punto viene elaborato, ma gli indirizzi rimangono comunque molto generici, così come sono molto generici i punti di contatto individuati tra i tre programmi. Per esempio tutti e tre i partiti risultano favorevoli “migliorare la dotazione di infrastrutture”, anche se verosimilmente ognuna delle tre formazioni intende cose molto diverse con questa espressione. Nella seconda parte si parla di aumentare i sostegni al reddito, ridurre le tasse alle imprese e mettere in atto investimenti in infrastrutture.

A un primo sguardo il contratto sembra essere molto più sensibile alle priorità del PD che a quelle della Lega. Non compare infatti nessuno dei temi più importanti per il partito di Matteo Salvini, come l’immigrazione, la flat tax, la legittima difesa e l’opposizione all’Europa. Al momento né il PD né la Lega hanno accettato le offerte arrivate da Di Maio per iniziare a trattare sul possibile programma di governo comune, ed è curioso che il M5S, che ha detto più volte che intende sostenere solo un governo con Di Maio presidente, ora si sia scritto da solo la bozza di accordo con gli altri partiti. Il PD ha sostanzialmente chiuso a ogni possibilità di incontro, mentre Salvini ha detto di essere disposto a negoziare solo se al tavolo delle trattative sarà accolta l’intera coalizione di centrodestra e non soltanto la Lega.

Mostra commenti ( )