• Mondo
  • domenica 22 aprile 2018

Il partito socialdemocratico tedesco ha nominato la prima presidente donna nella sua storia, Andrea Nahles

La 47enne Andrea Nahles è stata eletta presidente del partito socialdemocratico tedesco (SPD). È la prima donna a ricoprire questo incarico nella storia del partito: ha ricevuto il 66 per cento dei voti del congresso dell’SPD, che si è tenuto a Wiesbaden. Nahles ha preso 414 voti su 624; l’altra candidata, Simone Lange, ha ottenuto 172 voti. Nahles è stata ministra del Lavoro e all’interno del partito guida l’ala con le posizioni in genere più di sinistra. Nahles, che è nota per il modo in cui si infervora nei suoi comizi, ha detto: «Si può rinnovare un partito anche dal governo e lo dimostrerò».

Il suo partito ha deciso da tempo di far parte di una nuova “grande coalizione” guidata da Angela Merkel. Martin Schulz si era dimesso dalla presidenza del partito socialdemocratico tedesco a febbraio, dicendo: «La SPD ha bisogno di un rinnovamento di persone e programmi».

(Lukas Schulze/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.