• Italia
  • giovedì 19 aprile 2018

In provincia di Trapani sono state arrestate 22 persone ritenute legate al boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro

Nella notte tra mercoledì e giovedì, carabinieri, polizia e Direzione investigativa antimafia hanno avviato una serie di fermi su indicazione della Direzione distrettuale antimafia di Palermo nei confronti di 22 persone, presunte affiliate alle famiglie mafiose di Partanna, Campobello di Mazara e Castelvetrano in provincia di Trapani. Gli appartenenti ai vari gruppi sono considerati vicini o comunque in relazione con Matteo Messina Denaro, uno dei latitanti mafiosi più ricercati al mondo. Tra le accuse per le 22 persone indagate ci sono detenzione di armi, intestazione fittizia di beni, associazione mafiosa, estorsione e danneggiamento; i reati sono aggravati dalle modalità mafiose. Gli investigatori ritengono di avere individuato diversi nodi della rete usata da Messina Denaro per comunicare attraverso il sistema dei “pizzini”, bigliettini di carta con cui dà istruzioni ai suoi affiliati.

(Repertorio - foto LaPresse - Massimo Paolone)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.