Tesla sospenderà per qualche giorno la produzione della Model 3 per riorganizzare la sua fabbrica in California

Tesla sospenderà per alcuni giorni la produzione della sua Model 3, con l’obiettivo di riorganizzare parte del lavoro nello stabilimento di Fremont, in California, in modo da accelerare la costruzione dell’automobile elettrica, finora andata molto a rilento. La sospensione dovrebbe durare al massimo 5 giorni ed era programmata da tempo, analogamente a quanto già fatto lo scorso febbraio. Tesla dice che le sospensioni organizzate saltuariamente nella fabbrica di Fremont e nella Gigafactory 1, nel Nevada, servono per “migliorare l’automazione e affrontare i colli di bottiglia per aumentare il ritmo di produzione”.

In una email inviata ai dipendenti e resa pubblica dal sito d’informazione Jalopnik, il CEO di Tesla, Elon Musk, scrive che entro la fine di giugno la produzione dovrà arrivare a 6mila Model 3 prodotte alla settimana, un aumento rispetto agli obiettivi di 5mila automobili comunicato in passato. I piani sono di aumentare progressivamente la produzione, superando un primo obiettivo di 3-4mila automobili prodotte alla settimana nel mese di maggio. La società assumerà circa 400 persone per lavorare nei due stabilimenti, che sono comunque per lo più automatizzati con robot che si occupano degli assemblaggi. Tesla continua a faticare a raggiungere ritmi di produzione più sostenuti per la sua Model 3 a fronte dell’oltre mezzo milione di ordini per la nuova automobile.

Elon Musk alla presentazione della Model 3, nel luglio del 2017. (Andrej Sokolow/picture-alliance/dpa/AP Images)