• Italia
  • mercoledì 18 aprile 2018

Il Corriere della Sera scrive che il regista Fausto Brizzi è indagato per violenza sessuale

Il Corriere della Sera scrive che il regista Fausto Brizzi è indagato per violenza sessuale: dice anche che i magistrati della procura di Roma hanno formalizzato l’accusa dopo che tre donne si sono presentate testimoniando di essere state molestate da lui. Il Corriere precisa però che «l’indagine rischia di finire in archivio. Per due casi l’esposto è stato infatti presentato dopo la scadenza dei sei mesi prevista dalla legge, mentre per l’altra donna non ci sarebbero gli elementi sufficienti a dimostrare l’aggressione». In Italia la legge prevede che si possa procedere legalmente contro un presunto colpevole di violenze sessuali e abusi se la vittima sporge querela entro sei mesi dai fatti.

Fausto Brizzi era stato accusato pubblicamente di aver molestato delle donne lo scorso novembre, dopo un servizio delle Iene. Le persone che avevano parlato durante il servizio avevano raccontato storie molto simili e coerenti. Avevano spiegato che Brizzi le aveva ricevute nel suo studio di Roma, che tutte hanno descritto più come una casa, con letto e idromassaggio. Hanno poi detto che Brizzi aveva proposto a ciascuna di loro un massaggio, e poi di improvvisare alcune scene che prevedevano quasi sempre un’interazione tra una moglie e un marito. Con il pretesto di queste scene Brizzi avrebbe cercato il contatto fisico, anche molto molesto, strofinando i suoi genitali sulle donne. Nei racconti, poi, Brizzi è accusato di essersi spogliato completamente e di aver cercato di avere un rapporto con le donne. Lui ha sempre negato di aver avuto rapporti non consenzienti.

Fausto Brizzi (ANSA/GIORGIO ONORATI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.