Lo scrittore dominicano Junot Díaz ha raccontato sul New Yorker di essere stato stuprato a otto anni

Lo scrittore dominicano Junot Díaz ha raccontato per la prima volta di quando venne stuprato a otto anni da un adulto che conosceva, e delle conseguenze devastanti che ha avuto sulla sua vita. Díaz ha detto al New Yorker di non averlo raccontato per anni a nessuno e di aver chiesto aiuto psicologico solo di recente: ha avuto problemi a casa, a scuola, ha fatto abuso di alcol e droghe, non è riuscito ad avere rapporti sentimentali stabili e ha finito per rovinare la sua relazione più importante, tradendo continuamente la sua compagna, come racconta nel suo romanzo È così che la perdi. Díaz ha 49 anni, tra gli altri libri che ha scritto ci sono Drown e La breve favolosa vita di Oscar Wao, che vinse il Premio Pulitzer per la narrativa nel 2008. Questo è un estratto tradotto del racconto The Silence, pubblicato sul New Yorker (Díaz scrive in inglese inframezzando alcune parole in spagnolo, che anche qui non sono state tradotte). Qui si può leggere l’articolo per intero.

«Quella violación. Non ci sono abbastanza pagine al mondo per descrivere cosa mi ha fatto. Il pianeta intero potrebbe diventare il mio calamaio e ancora non sarebbe abbastanza. Quella merda ha spaccato il mio pianeta a metà, mi ha mandato totalmente fuori orbita, nelle regioni dello spazio senza luce dove la vita non è possibile. Posso dire davvero che quasi me destruyó. Non solo lo stupro ma quel che venne dopo: l’agonia, l’amarezza, l’auto-recriminazione, lo asco, il disperato bisogno di nascondere e tacere. Ha fottuto la mia infanzia. Ha fottuto la mia adolescenza. Mi ha fottuto la vita intera. Più che l’essere dominicano, più che l’essere immigrato, più ancora che l’essere di discendenza africana, è il mio stupro a definirmi. Ho speso più energia nel fuggirlo che a vivere»

Junot Díaz a New York nel settembre del 2013. (AP Photo/Bebeto Matthews)