• Italia
  • martedì 10 Aprile 2018

Due caccia hanno superato la barriera del suono in provincia di Salerno

Intorno alle 16.20 sono stati sentiti due forti boati nel Cilento e nel Vallo di Diano, in Campania. Come ha scritto ANSA, i boati «sono stati causati dal volo supersonico di due caccia dell’Aeronautica militare impegnati nell’intercettazione e identificazione di un velivolo che aveva perso il contatto radio con gli enti del controllo dello spazio aereo» L’attività è stata confermata dall’Aeronautica militare, che ha scritto che il velivolo è stato intercettato sopra a Trapani, in Sicilia, da due Eurofighter. I boati sono dovuti al superamento della barriera suono, la stessa cosa successa il 22 marzo nel nord Italia.

L’Aeronautica Militare ha scritto in un comunicato: «Dopo pochi minuti dal decollo, i due caccia intercettori hanno stabilito il contatto visivo con il velivolo accertando così che quest’ultimo non si trovava in condizioni di emergenza o pericolo. Una volta identificato il velivolo, i due caccia lo hanno scortato fuori dai confini nazionali. Per ridurre i tempi di intervento i due Eurofighter sono stati autorizzati al volo supersonico. Il superamento della barriera del suono è stato percepito in zona Eboli (SA)».

I due Eurofighter hanno superato la velocità del suono, intorno ai intorno ai 1.000 chilometri orari a 10mila metri di quota.. Le onde d’urto generate da questo tipo di volo provocano un rumore fortissimo percepito dall’orecchio umano come simile a quello di un’esplosione, motivo per cui quando succedono cose simili c’è sempre un po’ di preoccupazione.

(Aeronautica Militare)