Ci sarà un altro giro di consultazioni

Lo ha detto il Presidente della Repubblica dopo aver parlato per due giorni con i partiti: per ora non ci sono le condizioni per un nuovo governo

Al termine del secondo giorno di consultazioni con le forze politiche parlamentari, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha detto che saranno necessarie altre consultazioni per poter formare un nuovo governo. Oggi sono state sentite da Mattarella le delegazioni di tutti i partiti più grandi – in ordine di arrivo al Quirinale sono andati PD, Forza Italia, Lega e Movimento 5 Stelle – ma per ora non sono state trovate convergenze o aperture sufficienti per la formazione di una maggioranza parlamentare che sostenga un nuovo governo. Mattarella ha detto che si prenderà qualche giorno per riflettere sulla situazione, prima di incontrare nuovamente i partiti nella speranza che sia cambiato qualcosa.

17:42 5 Apr 2018
Come sono finite le consultazioni?

• Con un nulla di fatto. Non c’è una maggioranza e quindi nessuno ha ricevuto l’incarico di formare il governo.
• Il presidente Mattarella ha annunciato che la prossima settimana si terrà un nuovo giro di consultazioni (non è ancora chiaro quando).
• L’intervento più importante oggi è stato quello di Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle.
• Di Maio ha detto che il Movimento incontrerà PD e Lega per cercare di elaborare con loro un “contratto” su un possibile programma di governo.
• Di Maio ha escluso che sia possibile un qualunque accordo con Berlusconi.
• Berlusconi, poco prima, aveva fatto altrettanto, escludendo di poter sostenere un governo con “populisti, pauperisti e giustizialisti”.
• La Lega ha escluso di poter formare un governo che non sia guidato dal centrodestra e che quindi non includa Forza Italia.
• Il PD ha escluso di poter partecipare a qualsivoglia tipo di governo.
• In altre parole, su queste basi, se nessuno cambierà idea, sembra facile che le consultazioni della prossima settimana non portino a risultati molto diversi da quelle degli ultimi due giorni.

17:35 5 Apr 2018

Mattarella dice che la prossima settimana ci saranno nuove consultazioni.

17:34 5 Apr 2018

Le attuali consultazioni, ha continuato Mattarella, non hanno portato alla creazione di alcuna maggioranza. Nessuno, quindi, dispone dei voti necessari per formare un governo e sostenerlo. È necessario, continua il presidente, che nascano delle intese tra più forze politiche. Mattarella quindi ha detto che farà trascorrere qualche giorno per permettere alle forze politiche di trattare. Questo tempo, ha continuato: «Sarà utile anche a me per riflettere sulle considerazioni che mi hanno fatto i partiti».

17:33 5 Apr 2018

Il presidente Sergio Mattarella ha ringraziato i giornalisti per il lavoro svolto nel seguire le consultazioni e ricordato qual è lo scopo di questa prassi: far emergere un governo che abbia il sostegno della maggioranza del Parlamento.

17:32 5 Apr 2018

Sta uscendo il presidente Mattarella.

17:24 5 Apr 2018

Di Maio ha anche detto molto chiaramente che l’Italia resterà nella «NATO, in Europa e nell’unione monetaria», cioè nell’euro. È stata la prima cosa che ha detto uscito dal colloquio con il presidente della Repubblica.

17:21 5 Apr 2018

Un aspetto molto importante: non ha parlato del governo. Non ha detto se è una condizione fondamentale che sia guidato dal Movimento 5 Stelle, se accetterà ministri di altri forze politiche e quanti. Però, proponendo l’accordo a due forze entrambe più piccole in Parlamento del Movimento (Lega e PD) sembra affermare implicitamente che il presidente del Consiglio dovrà essere espressione del Movimento.

17:20 5 Apr 2018

Il punto essenziale dell’intervento di Di Maio è stata la sua netta e molto chiara apertura alla Lega e al PD. Ha detto che soltanto con queste due forze politiche il Movimento è disposto a trattare un “contratto di governo”, cioè un programma di cosa fare nei prossimi anni, in quali tempi e con quali modalità. Di Maio ha detto che non intende lanciare temi o veti e che è disponibile a un confronto aperto per decidere cosa deve essere incluso nel contratto.

17:18 5 Apr 2018

17:16 5 Apr 2018

Terminato l’intervento, Di Maio si è allontanato senza rispondere alle domande dei giornalisti, come hanno fatto tutte le delegazioni nella giornata di oggi.

17:15 5 Apr 2018

«Mi rivolgo al PD nella sua interezza», ha detto Di Maio, escludendo veti su parti del Partito Democratico. Sul centrodestra, Di Maio dice che non ha intenzione di “spaccare” la coalizione, ma che non considera quella del centrodestra una vera coalizione. Per questo, il Movimento si rivolge soltanto alla Lega e non a Forza Italia, che, ha detto, anche oggi ha criticato il Movimento.

17:13 5 Apr 2018

Di Maio dice che non vuole “lanciare temi” e che quindi è aperto al confronto su tutti i punti, anche se, dice, il paese si aspetta la soluzione di diversi temi: lotta alla corruzione, abbassamento delle tasse, lotta alla disoccupazione e all’immigrazione.

17:13 5 Apr 2018

Questo contratto, sostiene Di Maio, il Movimento 5 Stelle lo può sottoscrivere soltanto con la Lega oppure con il Partito Democratico, ma sono due opzioni mutualmente esclusive. Per questo, ha detto Di Maio, chiederà un incontro a rappresentanti di Lega e PD per decidere con chi scrivere i dettagli di questo programma.

17:11 5 Apr 2018

Secondo Di Maio, il voto del 4 marzo ha bocciato i “governissimi, i governi di scopi e i governi tecnici”. Per questo, spiega Di Maio, non propone un’alleanza di governo, ma un “contratto sul modello tedesco”. Perché, afferma, vuole che le forze politiche si impegnino su un programma preciso. 

17:10 5 Apr 2018

Di Maio dice di non aver mai posto “veti” ad alcuna personalità politica.

17:09 5 Apr 2018

Il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio dice che il suo partito ha ottenuto 11 milioni di voti su una posizione ben precisa: con noi al governo, ha detto, l’Italia rimarrà nella NATO, nell’Europa e nella moneta unica.

17:08 5 Apr 2018

Inizia la conferenza stampa del Movimento 5 Stelle.

17:01 5 Apr 2018

Beppe Grillo ha postato su Twitter il link alla canzone “L’appuntamento” di Ornella Vanoni (i capigruppo del Movimento sono in questo momento a colloquio con il presidente della Repubblica). Al momento, molti giornalisti stanno esaminando il testo della canzone alla ricerca di possibili letture politiche.

16:59 5 Apr 2018

16:31 5 Apr 2018

Dev’essere circolato un consiglio su WhatsApp, o qualcosa del genere: fatto sta che molti parlamentari del M5S hanno postato quasi in contemporanea sui loro canali social la diretta video dal Quirinale.

16:11 5 Apr 2018

La delegazione del M5S è arrivata al Quirinale, e fra poco incontrerà Mattarella.

16:01 5 Apr 2018

Maurizio Martina, segretario reggente del PD, ha twittato per la prima volta da quando ha parlato con Mattarella. Niente di nuovo. 

15:49 5 Apr 2018

Come riportato da Skytg24, non sappiamo nemmeno se Mattarella terrà un discorso alla fine delle consultazioni, o se si limiterà a far leggere un comunicato al suo segretario Ugo Zampetti.

15:44 5 Apr 2018

Da qualche giorno, tutti gli analisti danno per scontato che il giro di consultazioni che si concluderà nel pomeriggio non porterà a un incarico di nessun tipo. Qualche giornalista sta già ipotizzando in quali giorni potrebbe essere convocato il nuovo giro. Forse ci sta pensando anche Salvini, visto che ha detto che la prossima settimana incontrerà “formalmente” i leader a cui vuole proporre un’alleanza (cioè sostanzialmente Di Maio, Berlusconi e Meloni). In ogni caso, i tempi non si preannunciano brevissimi.

15:31 5 Apr 2018

Nel frattempo, Roberto Fico ha annunciato che questa domenica riprenderanno le periodiche aperture al pubblico della Camera dei Deputati.

Domenica 8 aprile riprende, nella nuova legislatura, “Montecitorio a porte aperte”, l’iniziativa della Camera dei deputati che prevede una volta al mese l’apertura del Palazzo alle visite del pubblico. In piazza Montecitorio, alle 11,00 si svolgerà il concerto della Banda della Marina Militare.

L’esibizione sarà diretta dal Maestro Antonio Barbagallo.

Il programma inizierà con l’esecuzione dell’Inno Nazionale italiano e terminerà con l’esecuzione dell’Inno Europeo. Il programma prevede brani di: Luigi Denza (Funiculì, funiculà); Kees Vlak (Tapas de cocina – Paso doble); Giacomo Puccini (Nessun dorma dall’Opera “Turandot”).

Al termine del concerto, il Presidente della Camera dei deputati Roberto Fico accoglierà alcuni gruppi di cittadini e li accompagnerà per un tratto della visita, in Transatlantico e in Aula.

15:07 5 Apr 2018

Se il Movimento 5 Stelle sta davvero virando a destra, alcuni suoi esponenti sembrano sostenere l’esatto contrario. Pasquale Tridico, docente di economia e candidato del Movimento come ministro del Lavoro ha detto oggi alla trasmissione Circo Massimo, su Radio Capital: «Stiamo pensando di reintrodurre l’articolo 18, la flessibilità non ha aiutato l’occupazione e nemmeno la produttività. I diritti sono importanti per ridare dignità, non per creare lavoro».

15:05 5 Apr 2018

Tra le curiosità di oggi.

12:51 5 Apr 2018

Ora ci sarà una lunga pausa. L’ultimo gruppo del giorno, il Movimento 5 Stelle, sarà ricevuto oggi alle 16 e 30.

12:49 5 Apr 2018
Cos'è successo questa mattina

Il presidente della Repubblica ha incontrato le delegazioni di PD, Forza Italia e Lega. Tutti hanno detto più o meno le cose che ci si aspettava. Il PD che non vuole fare accordi con nessuno, Forza Italia che non vuole accordi con “populisti, pauperisti e giustizialisti”. L’unica novità è stata la chiara apertura della Lega. Salvini ha detto che l’unico governo possibile è quello tra Movimento 5 Stelle e centrodestra. L’ostacolo che bisogna superare, ha spiegato, sono le rigidità dei vari partiti. Se non si troverà un accordo, ha concluso, l’alternativa sono le elezioni anticipate.

12:40 5 Apr 2018

La cosa più importante detta da Salvini è l’ammissione aperta che l’unico governo possibile è quello del centrodestra insieme al Movimento 5 Stelle. L’unico ostacolo, ha detto, sono le rigidità degli altri partiti, mentre la Lega è disposta a trattare su tutto. 

12:38 5 Apr 2018

Anche Salvini, al termine della conferenza stampa si allontana senza rispondere alle domande dei giornalisti.

12:38 5 Apr 2018

Se nessuno fa compromessi, dice Salvini, l’unica soluzione sono le elezioni anticipate, uno scenario che lui comunque non si augura. Poi Salvini ripete che l’unica soluzione è un governo del centrodestra con il Movimento 5 Stelle: è una questione di numeri, sostiene (Salvini aveva già detto nei giorni scorsi di non volersi alleare con il PD per nessuna ragione).

12:36 5 Apr 2018

Salvini dice di essere disponibile a incontrare tutte le forze politiche, ma ogni accordo dovrà “partire dal centrodestra”. Sottolinea che il suo partito non ha detto “no a nessuno”. E che bisogna “smussare degli angoli che alcune forze politiche non vogliono smussare”.

12:35 5 Apr 2018

Salvini dice che la Lega vuole un governo che duri per cinque anni e non “governicchi” deboli e con uno scopo di corto respiro. Anche Salvini, come tutte le forze politiche fino ad ora, dice che alla Lega non interessano “posti e incarichi”, ma i programmi: soprattutto abolizione della riforma Fornero e taglio delle tasse.

12:34 5 Apr 2018

È iniziata la conferenza stampa della Lega.

12:26 5 Apr 2018

Poco fa dicevamo di Debora Serracchiani, importante dirigente PD che sembra aver preso le distanze dall’ex segretario Renzi, di cui era una delle principali alleate. Proprio questa mattina ha detto alla trasmissione Gioco a Premier su Rai Radio1: «Quando ci saranno le primarie nel Pd, prenderò in considerazione ipotesi di candidarmi».

12:18 5 Apr 2018

Affinità e divergenze tra lo stile di Matteo Renzi (quando alle consultazioni del febbraio 2014 scrisse su Twitter “Arrivo arrivo!”) e Matteo Salvini (consultazioni dell’aprile 2018).

12:09 5 Apr 2018

La delegazione della Lega nel frattempo è arrivata al Quirinale (le agenzie scrivono che sono arrivati a piedi).

12:00 5 Apr 2018

Questa fotografia postata questa mattina da Matteo Salvini ci fa sospettare che il segretario della Lega stia arrivando al Quirinale in traghetto.

11:52 5 Apr 2018

Silvio Berlusconi, Mariastella Gelmini e Annamaria Bernini a colloquio con il presidente della Repubblica Mattarella.


(ANSA/ UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA)

11:50 5 Apr 2018

A parte le consultazioni, una delle notizie politiche più interessanti di oggi è la lettera che la presidente uscente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani ha inviato a Repubblica. Serracchiani critica la riforma Costituzionale bocciata al referendum del 2016 e scrive che oggi il PD non deve “andare in letargo”, quella che sembra una critica alla scelta dell’ex segretario Renzi di tenere lontano il partito da ogni tipo di accordo con le altre forze parlamentari. Serracchiani, fino a poco tempo fa, era considerata molto vicina a Renzi, di cui era stata anche vicesegretaria.

11:46 5 Apr 2018

L’incontro tra la delegazione della Lega e il presidente della Repubblica è uno dei più interessanti di oggi. Cosa dirà al termine Salvini? Farà una chiusura netta alle proposte del Movimento 5 Stelle (riconoscere Di Maio presidente del Consiglio e lasciare Berlusconi) o lascerà aperto qualche spiraglio di dialogo?

11:41 5 Apr 2018

Tra poco arriverà la delegazione della Lega, composta dal segretario Matteo Salvini e dai capigruppo di Camera e Senato, Massimo Giorgetti e Gian Marco Centinaio.

11:39 5 Apr 2018

Un paio di cose nel discorso di Berlusconi notate dai giornalisti che seguono le consultazioni.

11:38 5 Apr 2018

Berlusconi ha detto però di essere disposto a ragionare su un programma comune che comprenda i punti che aveva elencato. Dopo aver terminato il suo breve intervento, Berlusconi si è allontano insieme alle capigruppo Mariastella Gelmini e Annamaria Bernini senza rispondere alle domande dei giornalisti presenti.

11:36 5 Apr 2018

Secondo Berlusconi, l’ipotesi di governo non può che fondarsi sulla Lega e, in particolare, sulla leadership del partito più votato nella coalizione, la Lega di Matteo Salvini. Per farlo però le altre forze politiche devono dare al centrodestra i voti necessari. Quello che Berlusconi non vuole, dice, è un governo basato sul “pauperismo” e il “giustizialismo”, un riferimento nemmeno molto velato al Movimento 5 Stelle.

11:35 5 Apr 2018

Silvio Berlusconi dice che hanno parlato con il presidente della Repubblica e che gli hanno riferito che ci sono urgenti problemi di cui bisogna occuparsi: lavoro, disoccupazione giovanile, divario Nord e Sud, l’oppressione fiscale, burocratica e “giudiziaria” e infine il tema della sicurezza e dell’immigrazione clandestina. Queste urgenze, spiega Berlusconi, richiedono la presenza di un governo.

11:33 5 Apr 2018

Inizia la conferenza stampa di Forza Italia.

11:31 5 Apr 2018

Silvio Berlusconi, capo della delegazione di Forza Italia, stringe la mano al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.


(ANSA/ UFFICIO STAMPA PRESIDENZA REPUBBLICA)

11:27 5 Apr 2018

Si è parlato molto delle correnti e trame sotterranee che, all’interno del PD, starebbero cercando di fare accordi con il Movimento 5 Stelle. Pubblicamente, però, i dirigenti del partito continuano a dire il contrario, anche quelli accusati di essere favorevoli all’accordo.

11:24 5 Apr 2018

A proposito del segretario del PD Maurizio Martina: ieri ha annunciato che l’Assemblea del PD è stata convocata per il 21 aprile. L’Assemblea dovrà decidere il segretario reggente che succederà a Renzi, che si è dimesso un mese fa. Martina ha detto che presenterà la sua candidatura ed è l’unico ad averlo fatto, fino ad ora.

11:07 5 Apr 2018

La delegazione di Forza Italia è arrivata al Quirinale. 

10:59 5 Apr 2018

Curiosità: tra tutte quelle che hanno visitato il quirinale, quella di Forza Italia è la delegazione con il maggior numero di donne, due su tre componenti. Il PD, come abbiamo visto, ha mandato solo uomini, così come manderà solo uomini anche la Lega, mentre il Movimento 5 Stelle manderà due uomini e una donna.

10:54 5 Apr 2018

Ora è il turno della delegazione di Forza Italia che sarà composta dalle capigruppo alla Camera e al Senato Mariastella Gelmini e Annamaria Bernini e da Silvio Berlusconi in persona.

10:51 5 Apr 2018

Breve analisi del direttore del Foglio Claudio Cerasa.

10:48 5 Apr 2018

Terminato il discorso, Martina e il resto della delegazione PD si sono allontanati senza raccogliere domande dei giornalisti presenti.

10:47 5 Apr 2018

Martina, in sostanza, ha elencato quali sono le priorità del PD e i temi su cui lavorerà in parlamento, pur riconoscendo che lo farà da una posizione di minoranza e opposizione, per via del risultato che gli è stato assegnato dagli elettori.

10:45 5 Apr 2018

Martina parla dei successi del governo nella riduzione degli sbarchi di migranti nei primi mesi del 2018, una riduzione, dice, che è arrivata fino al 70 per cento. Questo lavoro, spiega, non va interrotto.

10:42 5 Apr 2018

I temi importanti per il PD, spiega Martina, sono la lotta alle diseguaglianze e ai divari sociali. Il PD appoggerà tentativi di rendere il lavoro più stabile e meno precario, continua, e continuerà il suo lavoro per combattere la povertà e proprio nei prossimi giorni il PD proporrà l’estensione del REI, la prima forma di lotta alla povertà universale, introdotto dal governo Gentiloni.

10:40 5 Apr 2018

Ma Movimento 5 Stelle e Lega, sostiene Martina, non sembrano volersi prendere le loro responsibilità e continuano invece a comportarsi come in campagna elettorale. 

10:39 5 Apr 2018

Il segretario Martina dice che il PD non può formulare proposte di governo per via dei risultati elettorali. Secondo Martina, l’avvio della legislatura ha mostrato la presenza di una potenziale maggioranza, quella di centrodestra e Movimento 5 Stelle, che fino ad ora si sono divisi tutti i principali incarichi, dalla presidenza delle camere a quella degli uffici di presidenza e delle commissioni speciali.

10:38 5 Apr 2018

È iniziata la conferenza stampa del PD.

10:35 5 Apr 2018

Comunque il PD non fa una figura proprio bellissima per quanto riguarda la composizione della delegazione. Sono tutti uomini, così come sono tutti uomini i principali dirigenti del partito. Di contro, Forza Italia si presenterà dal presidente della Repubblica con una delegazione formata da Silvio Berlusconi e dalle capogruppo alla Camera e al Senato Mariastella Gelmini e Annamaria Bernini.

10:34 5 Apr 2018

Forse però questa foto è ancora meglio (sopratutto con questa musica di sottofondo).

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

10:27 5 Apr 2018

10:15 5 Apr 2018

Chi c’è nella delegazione PD? Graziano Delrio, ministro delle Infrastrutture, è emiliano, viene dalla Margherita ed è considerato vicino all’area centrista del partito, quella che fa riferimento al presidente del Consiglio Gentiloni e al ministro della Cultura Franceschini. Non è però sgradito a Renzi, di cui è stato per qualche tempo il braccio destro (ora i rapporti sono molto più freddi).

Andrea Marcucci, capogruppo al Senato, è considerato invece uno stretto alleato di Matteo Renzi. È toscano, originario di Lucca ed è alla sua terza legislatura. Viene anche lui dalla Margherita, il partito centrista la cui fusione con i Democratici di Sinistra nel 2007 produsse il PD. 


(Graziano Delrio e Andrea Marcucci, ANSA)

10:04 5 Apr 2018

Anche dal video della diretta potete notare come oggi ci siano molti più giornalisti rispetto a ieri (dovrebbe essere oggettivamente una giornata un po’ più interessante).

10:03 5 Apr 2018

La delegazione del PD è arrivata al Quirinale.

10:00 5 Apr 2018

Se come sembra le consultazioni non porteranno risultati, il capo dello stato convocherà un nuovo giro di incontri nelle prossime settimane. Non c’è limite alla durata del periodo di consultazioni. Nel 2013 trascorsero 40 giorni tra il primo giro di consultazioni e il giuramento del governo Letta.

09:48 5 Apr 2018

Una grafica di ANSA Centrimetri che mostra la durata delle consultazioni negli ultimi decenni.


(ANSA/Centimetri)

09:42 5 Apr 2018

La prima delegazione in arrivo al Quirinale è quella del PD. È composta dal capogruppo al Senato, Andrea Marcucci, il capogruppo alla Camera, Graziano Delrio, dal segretario del partito Maurizio Martina e dal presidente Matteo Orfini.

09:33 5 Apr 2018

Nessuno si aspetta granché dalle consultazioni di oggi, tutti i partiti sono bloccati in una serie di veti reciproci che impediscono la formazione di una maggioranza. 

Il Movimento 5 Stelle non vuole allearsi con il centrodestra se questo non rinuncia anche simbolicamente a Berlusconi. Inoltre Di Maio vuole per sé l’incarico di presidente del Consiglio e non è disposto a trattare su questo punto.

Lega e resto del centrodestra hanno quindi respinto le sue offerte, almeno fino ad ora. Nel contempo, il segretario della Lega Salvini ha detto di non volersi alleare con il PD in nessuna circostanza. E il PD ha più o meno detto lo stesso: di non essere disposto ad allearsi con nessuno.

09:28 5 Apr 2018

Se vi state chiedendo come si sceglie l’ordine: è il risultato della somma dei parlamentari eletti di ciascun gruppo. Ci si presenta dal presidente della Repubblica in ordine crescente dal più piccolo al più grande.

09:28 5 Apr 2018

Buongiorno! Per cominciare, qui trovata il calendario degli incontri di oggi.

Ore 10, Partito Democratico
Ore 11, Forza Italia
Ore 12, Lega
Ore 16 e 30, Movimento 5 Stelle

Mostra commenti ( )