Dal 2020 Apple inizierà a usare suoi processori al posto di quelli Intel, dice Bloomberg

A partire dal 2020 Apple rimpiazzerà i processori di Intel con propri chip all’interno dei suoi computer Mac. La notizia non è ufficiale, ma è stata diffusa da Bloomberg, solitamente bene informata sui progetti di Apple. Il cambiamento dovrebbe avvenire a cominciare dai portatili MacBook da 12 pollici, per essere poi applicato agli altri modelli di computer. Apple utilizza processori Intel da 13 anni circa, dopo che Steve Jobs decise di abbandonare i PowerPC realizzati in collaborazione con IBM. È probabile che alcuni Mac mantengano comunque i microprocessori di Intel ancora a lungo, soprattutto nel caso dei modelli più potenti come i Mac Pro. Bloomberg stima che Apple contribuisca al 5 per cento circa del fatturato annuale di Intel. La notizia, diffusa nella tarda giornata di lunedì, ha fatto perdere in borsa fino al 6 per cento a Intel.

(Apple)