• Mondo
  • venerdì 23 marzo 2018

L’operazione di polizia a Trèbes, in Francia

Un uomo ha sparato a dei poliziotti e poi in un supermercato poco lontano alcune persone sono state prese in ostaggio: la polizia lo sta trattando come un atto di terrorismo (in aggiornamento)

Per seguire tutti gli aggiornamenti dalla Francia in diretta, man mano che arrivano, potete andare a questa pagina, con il liveblog del Post

***

A Trèbes, comune francese nel dipartimento dell’Aude, nel sud del paese, è in corso un’operazione di polizia. Lo ha fatto sapere il ministero dell’Interno chiedendo che non vengano diffuse notizie false e non confermate da fonti ufficiali.

Secondo i giornali francesi questa mattina, intorno alle 9.30-10.00 un uomo ha aggredito a Caracassonne (a dieci chilometri da Trèbes) un gruppo di poliziotti che tornava da una corsa e che stava rientrando in caserma. Li ha seguiti in auto e ha sparato almeno cinque colpi con una pistola. Un agente è stato colpito alla spalla, ma non dovrebbe essere in pericolo di vita. Alle 11.15 diverse persone sono state prese in ostaggio all’interno del supermercato Super U di Trèbes. Le Figaro, citando fonti vicine all’operazione, ha detto che sono stati sparati dei colpi anche all’interno del supermercato. Per ora non è possibile stabilire alcun legame tra i due episodi: non è cioè sicuro che l’uomo che ha sparato ai poliziotti sia lo stesso che ha preso in ostaggio le persone al supermercato.

Le Monde scrive che la procura di Parigi ha confermato che una persona è stata uccisa all’interno del supermercato. Sugli altri giornali circola la notizia che una o due persone potrebbero essere state uccise: lo ha detto il generale Jean-Valéry Letterman precisando che si tratta di una supposizione e che non c’è la possibilità di inviare un medico all’interno dell’edificio per controllare. Secondo un testimone presente sul posto, l’uomo che è entrato nel supermercato era armato di coltelli, aveva una pistola e delle granate.

La prefettura di Aude ha annunciato su Twitter che la zona del supermercato è attualmente interdetta e ha chiesto alla popolazione di «facilitare l’accesso alle forze dell’ordine». L’area è sorvolata da tre elicotteri. Sul posto sta arrivando anche il ministro dell’Interno Gérard Collomb ed è stata attivata la sezione antiterrorismo della procura di Parigi. La polizia sta trattando l’episodio come un atto di terrorismo.

L’agenzia di stampa AFP aveva inizialmente scritto che lo Stato Islamico aveva rivendicato l’azione, ma ha corretto la notizia dopo poco dicendo che è l’aggressore ad aver dichiarato fedeltà allo Stato Islamico.

Nel frattempo, il primo ministro Édouard Philippe ha detto che la situazione è seria e che le «informazioni a disposizione lasciano pensare che si tratti di un attentato terroristico». La sezione antiterrorismo della procura di Parigi ha aperto un’inchiesta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.