(Fabio Cimaglia / LaPresse)

Uno dei candidati “impresentabili” del M5S dice che il suo impegno a dimettersi è «carta igienica»

Andrea Cecconi è stato uno dei primi scoperti a barare sulla restituzione di parte del suo stipendio, ma ora dice che resterà alla Camera

(Fabio Cimaglia / LaPresse)

Andrea Cecconi, uno dei cosiddetti candidati “impresentabili” del Movimento 5 Stelle che si erano impegnati a dimettersi dal Parlamento in caso di elezione, ha detto al Corriere della Sera che non intende farlo.

Un mese fa Cecconi era stato uno dei primi parlamentari del M5S scoperti a truccare i documenti sulla restituzione di parte del suo stipendio, come imposto dal suo partito. Cecconi però in quel momento era già nelle liste elettorali, candidato nell’uninominale a Pesaro e in un collegio proporzionale nelle Marche, e non poteva essere rimosso. L’8 febbraio aveva annunciato su Facebook che in caso di elezione avrebbe rinunciato all’incarico, facendo subentrare un altro candidato del Movimento al suo posto. «Noi del MoVimento siamo così. Se facciamo una cazzata togliamo il disturbo e vanno avanti gli altri», scriveva Cecconi, che aveva messo per iscritto il suo impegno in un documento. Commentando la sua promessa di rinunciare all’incarico, il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio aveva detto di sentirsi «orgoglioso» di lui.

Alle elezioni del 4 marzo Cecconi è stato eletto, battendo peraltro il ministro degli Interni Marco Minniti, candidato anche lui alla Camera nel collegio uninominale di Pesaro. Dopo l’elezione Cecconi era sparito per settimane. Ora si è saputo che non si dimetterà dal Parlamento come aveva annunciato: parlando col Corriere della Sera, ha spiegato che considera il documento in cui si impegnava a farlo «carta igienica» e che per il momento si iscriverà al gruppo Misto della Camera.

Cecconi, perché ha firmato [il documento] allora?
«Pensavo valesse. Ma ho chiesto a una mia amica legale, ha detto che non vale nulla».

Che farà dunque?
«Mi iscrivo al Misto. Ma spero che i 5 Stelle mi riammettano. Non li supplico mica. Ma mi manca quella comunità, non porto rancore e spero non me ne portino».

E gli altri partiti?
«Mi hanno chiamato in molti, anche amici leghisti. Ma mi comporterò come un 5 Stelle».