• Italia
  • venerdì 16 marzo 2018

La Guardia di Finanza ha sequestrato più di 150mila euro ad Antonio Ingroia, indagato per peculato

La Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 150mila euro ad Antonio Ingroia, ex pubblico ministero di Palermo, nell’ambito di un’inchiesta per peculato. L’accusa si riferisce a quando Ingroia era amministratore unico di Sicilia e-servizi, società a capitale pubblico che gestisce i servizi informatici della regione Sicilia. Secondo i magistrati che stanno indagando, Ingroia avrebbe percepito indebitamente rimborsi di viaggio per 17mila euro e si sarebbe liquidato un’indennità di 117mila euro, considerata sproporzionata rispetto agli utili della società.

Antonio Ingroia (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.