• Italia
  • lunedì 12 marzo 2018

L’autista che non fa salire i migranti sull’autobus

Se ne parla da giorni in Trentino-Alto Adige anche perché l'autista è anche consigliere comunale di Avio, eletto col centrodestra

Sui giornali locali del Trentino-Alto Adige circola da settimane la storia di un autista di autobus della società pubblica Trentino Trasporti che avrebbe l’abitudine di non fermarsi alla fermata se ad aspettare ci sono dei migranti. Gli episodi sono stati filmati in un video e si è ora scoperto che l’autista è Moreno Salvetti, consigliere comunale di Avio eletto nella coalizione di centrodestra che ha vinto le ultime amministrative e che, si dice, «dovrà affrontare un provvedimento disciplinare ma forse anche un processo».

Gli episodi che coinvolgono Salvetti sono stati filmati lo scorso dicembre a Marco, frazione del comune di Rovereto, alla fermata di via Pinera, dove i migranti che si trovano nel campo di accoglienza prendono l’autobus la mattina presto per raggiungere Rovereto e «frequentare i corsi e le altre attività previste dal progetto di accoglienza», scrive il giornale locale Alto Adige (Alto Adige ci tiene a precisare che queste attività sono «pagate dai contribuenti», che è però una frase tendenziosa: come funziona davvero la storia dei 35 euro l’abbiamo spiegato qui).

Nel video si vedono i migranti in attesa alla fermata in due diversi episodi e si vede l’autobus tirare dritto. La scena è anche stata filmata dall’interno dell’autobus, dove a un certo punto qualcuno chiede all’autista perché non si sia fermato (il video si interrompe proprio a quel punto). Il video è stato girato dopo che alcune persone vicine ai migranti, molto probabilmente gli operatori del centro di accoglienza, avevano raccolto le segnalazioni e avevano deciso di denunciare pubblicamente l’accaduto.

La Provincia, nel frattempo, ha diffuso un comunicato stampa per spiegare che nei confronti dell’autista è stato avviato un procedimento disciplinare, che potrà portare anche al suo licenziamento: le verifiche fatte dalla società Trentino Trasporti e dalla Provincia hanno di fatto accertato ripetute violazioni con danno al regolare svolgimento del servizio pubblico ma anche all’immagine della società. Il caso è stato poi segnalato alla procura della Repubblica di Rovereto, con l’ipotesi di interruzione di pubblico servizio aggravata dalla finalità di discriminazione razziale.

L’autista in questione si chiama Moreno Salvetti e oltre a essere un dipendente di Trentino Trasporti è anche consigliere comunale ad Avio eletto nel 2015 nella lista civica “Progetto Comune”, che si era presentata a sostegno del candidato di centrodestra Federico Secchi (che poi era stato eletto). Fino all’estate scorsa Salvetti era assessore ai Trasporti: si era dimesso quando su Facebook aveva augurato al presidente della provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, di fare la fine dell’orsa Kj2 uccisa nell’agosto del 2017 dopo essere stata catturata dagli agenti del Corpo forestale provinciale perché ritenuta pericolosa. In quell’occasione Salvetti aveva ritirato nel giro di poche ore il post parlando di «un colpo di nervoso».

Dopo l’ultimo episodio in cui Salvetti è stato coinvolto come autista, la Uil Trasporti (di cui Salvetti è delegato sindacale) lo ha difeso dicendo che «ha agito in buona fede» e che i migranti in attesa non avevano «fatto cenni per chiedere la fermata». Anche la Lega ha fatto sapere di essere solidale con Salvetti. Vanessa Cattoi, appena eletta in Parlamento con la Lega, ha detto: «Solidarietà all’autista di Trentino Trasporti che rischia il licenziamento. Scelte come queste da parte dell’azienda rischiano di alimentare ulteriormente l’insofferenza dei cittadini nei confronti della presenza di migranti. Negli ultimi tempi è diventata rischiosa la professione dell’autista di bus che troppo spesso, come accaduto nei mesi scorsi, si ritrova in condizione di pericolo e di aggressioni e insicurezza sia per lui sia per i fruitori del servizio stesso. Auspichiamo vengano invece attuati i provvedimenti necessari che consentano agli autisti ed agli utilizzatori del servizio di avere maggiori garanzie di sicurezza sui pullman. Invitiamo quindi l’azienda Trentino Trasporti a non procedere al licenziamento del dipendente che fino ad allora ha svolto il proprio servizio regolarmente». Salvetti ha comunque negato le accuse che gli sono state rivolte, ha detto di non essere un razzista e che tutta la vicenda è stata «gonfiata».

Mostra commenti ( )