Pamela Mastropietro sarebbe morta a causa di due coltellate al petto, dice una perizia medico-legale

Una perizia medico-legale ordinata dalla procura di Macerata sostiene che Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa in circostanze ancora non chiarite il 30 gennaio, sia morta a causa di due coltellate al petto. La perizia non è stata diffusa ufficialmente ma i suoi risultati sono stati pubblicati da vari quotidiani. L’autopsia sul corpo di Mastropietro non aveva dato risultati indicativi riguardo la causa della morte. Stando alla nuova perizia, Mastropietro è stata prima stordita con un colpo alla testa e successivamente accoltellata e uccisa. L’orario della morte è compreso fra la tarda mattinata e le 17.

Al momento quattro persone sono indagate per fatti collegati alla morte di Mastropietro. Sono quattro cittadini nigeriani, due dei quali, Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 27 anni, sono al momento in arresto con l’accusa di omicidio. Innocent Oseghale, 29 anni, il primo a essere stato arrestato, e Anthony Anyanwu, 39 anni, sono accusati di vilipendio e occultamento di cadavere.

La madre e il padre di Pamela Mastropietro durante una puntata di "Porta a Porta" (ANSA/ANGELO CARCONI)