Steve Bannon sogna un’alleanza fra Lega e Movimento 5 Stelle

L'ex consigliere di Donald Trump è in Italia da qualche giorno, e ha detto la sua riguardo alle elezioni di domenica

(Aaron P. Bernstein/Getty Images)

Steve Bannon, leader della destra radicale americana ed ex consigliere del presidente americano Donald Trump, si trova in Italia da alcuni giorni, apparentemente per seguire le elezioni italiane e incontrare alcuni politici della destra italiana. Tre giorni fa è stato intervistato da TGCOM24, e ieri sono uscite sul New York Times alcune sue dichiarazioni sulle imminenti elezioni italiane.

Fra le altre cose, Bannon ha detto al New York Times che le elezioni italiane sono “un distillato di puro populismo” – per lui la parola “populismo” ha un’accezione positiva – e ha detto di sognare un’alleanza fra Lega e Movimento 5 Stelle, due partiti che si presentano divisi ma che hanno posizioni compatibili sull’immigrazione, l’Europa e l’economia. In particolare, Bannon ha detto che Movimento 5 Stelle e Lega dovrebbero unire le forze se dalle elezioni di domenica non uscisse un chiaro vincitore oppure se Forza Italia e il Partito Democratico decidessero di formare un governo di larghe intese. Bannon ha definito un accordo elettorale fra la Lega e il M5S «il migliore scenario possibile».

Finora la Lega e il Movimento 5 Stelle hanno sempre escluso di poter governare insieme. Non è nemmeno detto che i seggi che otterranno domenica saranno sufficienti per formare una eventuale maggioranza in Parlamento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.