• TV
  • venerdì 9 febbraio 2018

Sanremo 2018, gli ascolti Auditel della terza serata

È andata di nuovo molto bene, con 10.825.000 spettatori e uno share del 51,6 per cento

La terza serata del Festival di Sanremo, quella di giovedì sera, è stata vista da 10.825.000 spettatori, con uno share del 51,6 per cento: la prima parte del programma è stata vista da 12.657.000 spettatori, con il 51,06 per cento di share, e la seconda da 6.142.000 spettatori, con il 54,43 per cento di share. Gli ascolti sono stati più alti della serata di mercoledì, che erano stati di 9.600.000 spettatori, con uno share del 47,7 per cento. E la terza serata del Festival di Sanremo 2018 è andata meglio della terza dell’edizione condotta da Carlo Conti e Maria De Filippi nel 2017, che aveva totalizzato 10.367.000 spettatori con il 46,58 per cento di share. L’ultimo Sanremo che alla sua terza serata fece un risultato migliore fu quello condotto da Fabio Fazio nel 1999, che ebbe uno share del 53,94 per cento.

La serata di giovedì, condotta come le altre da Claudio Baglioni, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, ha avuto come ospiti James Taylor, Giorgia, Nino Frassica e Gino Paoli. Si sono esibiti i dieci artisti che non si erano esibiti mercoledì sera, nella categoria “Campioni”: stasera tutti e venti duetteranno con altri cantanti ospiti.

Al termine della serata, intorno all’una, è stata annunciata una classifica provvisoria decisa dalla sala stampa, riferita ai dieci concorrenti che hanno cantato: sono stati divisi in tre fasce, una alta, una intermedia e una bassa. In quella alta c’erano Max Gazzé, Ermal Meta e Fabrizio Moro e Lo Stato Sociale. In quella intermedia: Enzo Avitabile e Beppe Servillo, Luca Barbarossa e The Kolors. In quella bassa: Noemi, Giovanni Caccamo, Mario Biondi e Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

(ANSA/CLAUDIO ONORATI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.