• TV
  • giovedì 8 febbraio 2018

La canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo, accusata di infrangere il regolamento, resterà in gara

Il Festival di Sanremo ha annunciato che la canzone “Non mi avete fatto niente” dei cantanti Ermal Meta e Fabrizio Moro, temporaneamente sospesa perché accusata di essere uguale a un’altra canzone scritta dallo stesso autore, rimarrà in gara, dopo «valutazioni tecniche» dell’organizzazione del festival. Dopo la prima puntata, alcuni utenti avevano infatti segnalato che “Non mi avete fatto niente” era sostanzialmente uguale a “Silenzio”, presentata (e poi scartata) nel 2016 a Sanremo giovani: si era però poi scoperto che l’autore era lo stesso, e che quindi non rappresentava un vero plagio. C’era comunque il dubbio che potesse infrangere il regolamento del festival, che prevede che si possano presentare soltanto canzoni mai suonate in pubblico.

Durante la conferenza stampa di oggi è stato spiegato che nonostante i ritornelli siano uguali, sono diversi la durata, la melodia e il testo del resto della canzone, e la parte sovrapponibile è inferiore al 30 per cento. Per questo, la canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro è stata riammessa, ed è probabile quindi che si esibiranno stasera: dovevano farlo ieri, ma a causa della temporanea sospensione aveva preso il loro posto Renzo Rubino.

La canzone che assomiglia molto a “Non mi avete fatto niente” si chiama “Silenzio”, e fu presentata a Sanremo 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. L’autore di entrambe si chiama Andrea Febo.

(ANSA/CLAUDIO ONORATI)