I videogiochi fatti in Italia

Dall'apprezzatissimo "Mario + Rabbids Kingdom Battle" fino a quello sulle avventure di Bud Spencer e Terence Hill, nella nuova puntata di Joypad

Se non seguite con attenzione il mondo dei videogiochi potreste non sapere che anche in Italia se ne producono molti e di molto validi. Uno dei titoli di maggior successo recente, Mario + Rabbids Kingdom Battle, è stato sviluppato dalla divisione italiana di Ubisoft, partendo dalle idee del suo direttore creativo Davide Soliani che è riuscito a convincere l’inventore dei videogiochi di Mario a prestargli il personaggio per farne una cosa nuova e un po’ diversa. E poi ci sono i videogiochi ufficiali della MotoGP, anche loro sviluppati da un’azienda italiana, la Milestone; e tantissimi altri titoli più piccoli ma per molti versi interessanti raccontati e spiegati da Francesco FossettiMatteo Bordone e Alessandro Zampini nella nuova puntata di Joypad.

Non è un’enciclopedia o un libro esaustivo intitolato Il videogiuoco nel Belpaese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.