FCA venderà migliaia di automobili a Waymo, la società delle auto che si guidano da sole

Fiat Chrysler Automobile (FCA) ha annunciato che entro fine anno fornirà alcune migliaia di automobili a Waymo, la società di Alphabet che si occupa della progettazione e dello sviluppo delle auto che si guidano da sole. Le due aziende non hanno fornito molti altri dettagli sui termini dell’accordo, che prevede comunque una consistente fornitura di minivan Chrysler Pacifica. La versione ibrida di questi veicoli viene venduta a un prezzo intorno ai 40mila dollari, quindi considerato che si parla di “migliaia” di automobili, il patto potrebbe essere da svariate decine di milioni di dollari. Waymo utilizza già da un paio di anni circa 600 minivan di FCA per sperimentare i suoi sistemi di guida automatica, compreso il recente programma pilota avviato in Arizona. L’accordo non prevede un’esclusiva, ma le due aziende sembrano avere trovato un buon equilibrio ed essere soddisfatte della loro collaborazione.

Il CEO di FCA, Sergio Marchionne, ha scritto nel comunicato che: “La nostra partnership con Waymo continua a crescere e a rafforzarsi; questo è solo l’ultimo dei segni che indicano il nostro impegno in campo tecnologico”. Finora le Pacifica sono state testate in almeno 25 città negli Stati Uniti, per lo più in California, con progetti su piccola scala o più ambiziosi come quello di Phoenix, dove sono iniziati i test con volontari. I piani di Waymo non sono ancora completamente chiari: da un lato l’azienda mira a produrre tecnologie da vendere poi in licenza ai tradizionali produttori di automobili, dall’altro è impegnata in progetti per offrire servizi di trasporto automatico nelle grandi città.

(FCA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.