A Milano c’è una mostra su Tazio Secchiaroli

Cioè il fotografo a cui si ispirò Fellini per il paparazzo della "Dolce vita": avete tempo fino al 23 febbraio

Fino al 23 febbraio alla galleria Still di Milano si potrà visitare una mostra con le foto di Tazio Secchiaroli, conosciuto per essere il fotografo a cui si ispirò Fellini per il personaggio Paparazzo del film La dolce vita.
Cresciuto professionalmente nelle agenzie di fotocronaca romane, Secchiaroli è stato uno dei più famosi “paparazzi” della fine degli anni Cinquanta: fotografava le celebrità in Via Veneto e dintorni raccontando uno stile di vita che portò attrici, attori e cantanti a diventare vere e proprie icone popolari. Fu lui a capire che questo nuovo genere di fotografia – la cosiddetta fotografia “d’assalto” con il flash – poteva interessare a rotocalchi e riviste: Secchiaroli divenne sempre più famoso e i suoi racconti furono d’ispirazione a Federico Fellini, con cui collaborò a lungo. In mostra ci sono soprattutto le foto che Secchiaroli ha realizzato dopo gli anni da paparazzo, quando si dedicò alla fotografia sui set di Cinecittà, oltre a quelle scattate a Sofia Loren, di cui divenne il fotografo ufficiale nel 1963.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.