Le canzoni candidate all’Oscar

C'è Mary J. Blige e c'è quella di Coco, ma soprattutto c'è Sufjan Stevens

Delle cinque canzoni candidate agli Oscar 2018, due sono contenute in film che sono già usciti al cinema in Italia: Coco e The Greatest Showman. C’è anche una canzone di Mudbound, uscito su Netflix e non al cinema: si chiama “Mighty River” e la canta Mary J. Blige, che è candidata anche come migliore attrice non protagonista. Un’altra fa parte della colonna sonora di Marshall, un film su Thurgood Marshall, il primo giudice afroamericano nominato alla Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, che però non è stato ancora distribuito in Italia. La cantano Andra Day e il rapper Common.

L’ultima è “Mistery of Love”, che fa parte della colonna sonora di Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino ed è scritta e interpretata da Sufjan Stevens, uno dei più apprezzati cantautori degli ultimi anni. Stevens ha cantato anche un’altra canzone del film, “Visions of Gideon”, e quest’anno ha provato a farne anche una per il film Io, Tonya: si chiama “Tonya Harding (In D major)”, che però è stata scartata. A differenza dell’anno scorso, quando era stato ampiamente previsto che avrebbe vinto “City of Stars” di La La Land, quest’anno la competizione sembra più aperta.

“Mighty River”
di Mary J. Blige, Raphael Saadiq e Taura Stinson – Mudbound

“Mystery of Love”
di Sufjan Stevens – Chiamami col tuo nome

“Remember Me”
di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez – Coco

“Stand Up for Something”
di Diane Warren, testo di Lonnie R. Lynn e Diane Warren, cantata da Andra Day e Common – Marshall

“This is Me”
di Benj Pasek e Justin Paul – The Greatest Showman

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.